La più grande debolezza della violenza è l'essere una spirale discendente che da' vita proprio alle cose che cerca di distruggere. Invece di diminuire il male, lo moltiplica. Martin Luther King

"
 
Ci sono 23 persone collegate

Cerca per parola chiave
 




Comune di Brusciano Comune di Brusciano



Regione Campania

Governo.it

governo.it 





 

Sentenza Parte 1

Sentenza Parte 2

Sentenza Parte 3


 

   



 




 

 



\\ Home : Articolo
BRUSCIANO: Ma dov'eravate....figli di questo popolo...quando tutto quello che dite...e' pieno di ipoccrisie x non dire altro?
(del 07/06/2018 @ 16:18:57, in admin, cliccato 5750 volte) View blog reactions
Condividi Condividi Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa Postli

 
Hai trovato l'articolo interessante?
Sottoscrivi il Feed RSS per essere informato automaticamente degli ultimi aggiornamenti!
 
.TrackBack: http://www.unaltrabrusciano.it/dblog/tb.asp?id=388
 
# 1
Arrestato il sindaco di Grumo Nevano Pietro ChiacchioArrestato il sindaco di Grumo Nevano Pietro Chiacchio
Pietro Chiacchio
Ai domiciliari anche il suo predecessore, l'attuale comandante della polizia municipale, il responsabile del servizio ecologia e un vigile urbano. Tra le accuse, peculato, turbata libertà degli impianti, frodi nelle pubbliche forniture, abuso d'ufficio
Di Anonimo  (inviato il 07/06/2018 @ 18:02:19)
# 2
scusate ma quello s*****o vocca aperto che nel 2013 si bisticciavo sempre nel palazzo abete quel delinquente che sta con il giudice adesso non si bisticcia piu
Di luigi  (inviato il 08/06/2018 @ 20:47:36)
# 3
giudice troppa merda
Di luigi  (inviato il 11/06/2018 @ 11:49:44)
# 4
IL PALLOTTAGGIO E' SERVITO..
POVERA BRUSCIANO.. QUANTI FALLITI E VOLTAGABBANA IN ATTESA DI UN RANCIO GIORNALIERO...LA MELMA E' SERVITA!!

Montanile Giuseppe Detto Peppe
4.550 voti
45,60%

Esposito Carminantonio
3.488 voti
34,95%
Castaldo Antonio

971 voti

9,73%

Rollino Pasqualina Detta Liana

749 voti

7,50%

Allocca Gaetano

220 voti

2,20%
Di Anonimo  (inviato il 11/06/2018 @ 15:01:47)
# 5
C'è poco da esultare, un dato è incontrovertibile, il Giudice senza i voti della coalizione del sindaco uscente, non sarebbe arrivato nemmeno al ballottaggio; si sarebbe fermato a poco più di 1200 voti, di cui 600 dell'asse Frattini - Romano.
Quindi, caro Giudice, lei è andato di poco oltre i voti di suo fratello, riprova che Brusciano non si fa abbindolare, né ha bisogno di un re travicello. Solo in una sezione è riuscito a superare il suo diretto avversario, nella 12, dove solo pochi non sanno con quali dinamiche si ottine il consenso. Allora Caro giudice, quale legalità e la sua? Si continua a predicare bene, ma si continua pure a razzolare male...
Di Luigi  (inviato il 12/06/2018 @ 00:15:47)
# 6
E' l'avvocato che parla sempre male di giosy e di cuore e che ha con lui mimmo ruggiero, cerciello, piccolo, di palma antonio, sposito con chi stavano? stavano con cuore e giosy. Alla fine non cambia proprio nulla. Almeno il giudice è disinteressato.
Di Seby  (inviato il 12/06/2018 @ 08:29:05)
# 7
ho sentito oceani di parole,...mari di discorsi,...ed io per la verita' mi accontenterei di una pozzanghera di fatti..ma visto quello che rimane ( NIENTE ).. vi direi abbiate pieta'di coloro che non....
Di Anonimo  (inviato il 12/06/2018 @ 16:29:29)
# 8
giudice non mi siete piaciuto troppi quà quà raquà e traditori certi pagliacci vanno scostati non meritano neanche il saluto
Di nicola  (inviato il 12/06/2018 @ 16:38:20)
# 9

Gaetano Bellezza Allocca
Amministratore · 1 h
GIRA QUESTO MESSAGGIO

Carissimi concittadini sono un Bruscianese come voi che esprime un giudizio su questo ballottaggio e sul futuro di Brusciano...non possiamo fare sì che nelle file del Candidato a Sindaco Giuseppe Montanile ci siano sempre gli stessi personaggi dell’amministrazione uscente li elenchiamo tutti:
Peppe Negri assessore uscente. Di palma Antonio consigliere uscente.
Travaglino Rocco consigliere uscente.
Ruggiero Domenico consigliere uscente.
Sposito Pina consigliere uscente. Cortini Clelia consigliere uscente. Maione nunzia assessore uscente.
Terracciano Fabio consigliere uscente.
Castaldo gianfranco consigliere uscente.
Lo Stesso PEPPE MONTANILE che andava a Piangere da GIOSY ROMANO per Ricevere incarichi.... grazie a lui è stato difensore civico del comune di Poggiomarino
E poi possiamo Elencare nomi di personaggi come Arch. Antonio Sposito (eventuale consigliere tra le file di Montanile) che ha ricevuto doppio incarico presso ASI NAPOLI insieme a ODIERNA(consigliere dal 2008 al 2013)AURIEMMA & Co.
Poi possiamo continuare con Domenico Piccolo ( eventuale consigliere tra le file di Montanile) anch’esso pluri incaricato ASI NAPOLI
IL PROBLEMA È GIOSY ROMANO?
Non credo proprio.
Una squadra PLURIfallimentare che si è riciclata è accordata per continuare a fare i loro porci comodi con Montanile.
Per non parlare di coloro che provengono dal 2008....VINCENZO CERCIELLO che è stato il primo a girarsi con GIOSY ROMANO dopo la sconfitta del 2008 e continuare i suoi sporchi interessi sulle costruzioni sul territorio Bruscianese. Diciamo basta e puliamo Brusciano da questi parassiti...che sono stati la rovina di questi ultimi anni del nostro territorio
Di luigi  (inviato il 14/06/2018 @ 14:42:23)
# 10
Scandalo stadio, Raggi: su di me accanimento perché donna. Un caso Di Maio che salta Porta a Porta
La sindaca da Vespa: "L'avvocato Lanzalone suggerito da Di Maio e Bonafede. Il progetto del nuovo impianto andrà avanti? Non lo so"
Di Anonimo  (inviato il 15/06/2018 @ 07:32:04)
# 11
sono sempre più convinto che questo paese e pieno di quà quà ra quà
Di luigi  (inviato il 15/06/2018 @ 20:39:38)
# 12
Tangenti sui lavori dopo l'alluvione: arrestato sindaco nel Beneventano
Inchiesta sul Comune di Cusano Mutri. Sotto i riflettori l'assegnazione dei lavori di somma urgenza dopo i danni del 2015

Di Anonimo  (inviato il 28/06/2018 @ 17:27:28)
# 13
don salvatore da solo compatte contro la camorra abbiamo un prete coraggioso anche il ministro la telefonato e il nuovo sindaco che fine ha fatto già si e arrenato
Di luigi  (inviato il 29/06/2018 @ 22:25:30)
# 14
a ricott è salat a cappuccia arricamat
Di luigi  (inviato il 30/06/2018 @ 13:48:43)
# 15
A ricott vir ca a tien attuorn e t fa acidita' E cappuccie pure, chelle so giall e verd. Allo sfrivere sient l'addore
Di Luigi  (inviato il 30/06/2018 @ 21:17:10)
# 16
6666 voti in 5 anni sono diventati poco più di 1666 voti, avete disperso un patrimonio elettorale e la colpa non è solo del sindaco uscente ma soprattutto dei suoi più stretti consiglieri che hanno pensato solo a beccarsi l'un con l'altro senza mai fare squadra, per racimolare qualche mollichina.
L'unico obiettivo era come si dice nel loro gergo: "e quando a metto na scopa" e invece n'ata fatt manco e carte a luong...
Purtroppo vi dovete rassegnare, il tempo di fare i soldi con la politica è finito, in verità non c'è mai stato, perché quelli che ci hanno tentato, hanno visto tutti il sole a scacchi e se proprio sono riusciti a fare qualche soldo, la maggior parte di questi se ne sono andati via per spese di avvocati.
Di Angelo  (inviato il 01/07/2018 @ 01:01:46)
# 17
Adesso si spiega la transumanza da Giosì al bravo avvocato penalista probabilmente i venditori di ricotta ne avranno bisogno.
Di luigi  (inviato il 01/07/2018 @ 14:04:31)
# 18
State tutt'arraggiate, nun ce putite pensa', ma comme con l'asi, il cise, l'anci, il senato, nun ce rimaste manco a terra sott'e piedi? po mumento arrangiate accussi' o tenite già a nustalgia ra ricotta fatt fino a mo???
Di Nicola  (inviato il 02/07/2018 @ 00:14:16)
# 19
Mentre Brusciano muore i soliti svenditori di ricotta continuano a sdoganarsi con quello di turno appollaiato sulla seggiola comunale.
Di federico  (inviato il 02/07/2018 @ 10:17:05)
# 20
per il 19
ma piu di quello appollaiato sulla seggiola comunale cosa sanno fare se escono da brusciano cia piccn e cart a cul
Di Anonimo  (inviato il 02/07/2018 @ 12:29:27)
# 21
PER USARE I SOCIAL CI VORREBBE LA PATENTE

I social sono "fuori controllo", milioni di troll (molti prezzolati, altri solo per "pariare"), miliardi di fake news, commenti ai post invisi sempre offensivi (a volte violenti e minacciosi), per non parlare delle decine di miliardi di selfie "a culo di gallina", di foto con cani da adottare o gattini che fanno le fusa.

Occorre RAPIDAMENTE una regolamentazione di accesso più severa (no troll), un più serio controllo delle notizie con un sistema di penali economiche per chi produce e diffonde fake news, penalizzare con il blocco integrale chi usa linguaggi offensivi e violenti. In definitiva, una patente di accesso, come per le automobili, che può essere sospesa o revocata.

Mi si obietterà che tutto ciò sarebbe la morte stessa dei social.
MA IN QUESTO MODO A CHE E A CHI SERVONO?
😱😱😱
Di Anonimo  (inviato il 06/07/2018 @ 15:11:37)
# 22
ma quelli della paranza piena che fino hanno fatto menomale che era piena a frat fra che scumme e faggioli
Di luigi  (inviato il 09/07/2018 @ 15:00:12)
# 23
per il 22 ma stai parlando degli infami giosino infame d'amato infamone felice de cicco il cacciuttiello di giosino quello che sa tutto lui lo chiamano il professore ingnorante
Di giuseppe  (inviato il 09/07/2018 @ 22:13:14)
# 24

E che succede dopo tanti proseliti e spot in campagna elettorale ora le grandi menti pare chiedano aiuto……..a breve c’è la Festa dei Gigli !!!!!

Perbacco, e pur il nostro primo cittadino che ha avuto il privilegio di vestire il titolo di presidente dell’Ente Festa dei Gigli (anno 2015), dovrebbe essere a conoscenza insieme all’allora assessore Peppe (suo omonimo), che l’amministrazione precedente, della quale per giunta ne facevano parte anche consiglieri che attualmente siedono nei tavoli della neo maggioranza come il fugace Antonio di stirpe gioventuniana, per l’organizzazione della festa in cinque anni ha sempre proceduto facendo leva sulle risorse disponibili e senza infierire ulteriormente sul bilancio corrente.

A scanso di equivoci, è bene precisare che per ben due anni 2015 e 2017 l’amministrazione Giosy Romano, attraverso un’azione programmatica oculata è riuscita a far pervenire fondi regionali per lo svolgimento della Festa, ed in particolare lo scorso 2017 con lo stanziamento regionale di 40mila euro, il tutto riuscendo in maniera eccelsa se pur tra enormi difficoltà strutturali a far fronte soprattutto al nuovo piano di sicurezza imposto dal ministero e dal prefetto per permettere un regolare svolgimento dell’intera kermesse.

Mentre con un ulteriore stanziamento di fondi prettamente comunali è stato predisposto l’intero piano di sicurezza con l’installazione di video telecamere di sorveglianza su tutto il tratto di strade cittadine interessate dal passaggio dei gigli e di entrata ed uscita dal paese, la presenza costante sul territorio cittadino della croce rossa con due ambulanze e un punto di primo soccorso sempre attivo, il posizionamento dei new jaersey ai varchi di ingresso ed uscita del paese, un costante monitoraggio del territorio con l’ausilio alle forze dell’ordine affiancate dal corpo della protezione civile.

E pure ad oggi si parla che non ci siano fondi a disposizione per organizzare la festa, ma ci si domanda, alcuni consiglieri che oggi sono stati eletti nelle file della neo amministrazione guidata da Giuseppe Montanile, non sono gli stessi che hanno presieduto gli ultimi consigli comunali approvando il bilancio…………spiace che solo adesso ne fanno menzione chiedendo aiuto al popolo e ai comitati.

Ma scusate, gli stessi dove stavano quando nel 2013 nella medesima situazione, il sindaco si rimboccò le maniche organizzando una buona festa e senza avere un euro sul capitolo.

I conti non tornano…anzi si che tornano……..corsi e ricorsi storici, fatene buon uso.

Senza se e senza ma !!!!!!
Di Anonimo  (inviato il 15/07/2018 @ 12:53:04)
# 25
5 anni non avete otturato un buco questo veramente e un paese con problemi mentali ancora il coraggio senza se e senza ma vi dovrebbero arrestare e parlate ancora
Di luigi  (inviato il 15/07/2018 @ 19:35:03)
# 26
A mimmo piccolo come presidente del consiglio non lo vogliono.
Di Anonimo  (inviato il 17/07/2018 @ 10:24:20)
# 27
Siamo a conoscenza di qualche rinuncia?
Non ci siamo... SALVATI

CHE STRANO GUARDANDO bene,manca qualcosa all'ORIZZONTE
Di Anonimo  (inviato il 21/07/2018 @ 13:36:58)
# 28
adesso diamo qualche assessorato a bertinotti haaaaaaa ancora questi comunisti di merda
Di giuseppe  (inviato il 21/07/2018 @ 21:10:51)
# 29
e c'e' chi esulta dopo una sonora sconfitta,solo per il fatto di essere stato il piu' votato alle ultime amministrative...ma allora e' vero che tutto ha un prezzo?
Di Anonimo  (inviato il 22/07/2018 @ 15:29:53)
# 30
adesso quanto tempo ci vuole per togliere un po di muccam seduta sui marciapiedi sti zomm sti ignoranti sta muccamm sti incivili sti senza dignità giosino non e stato capace adesso vediamo questo santone mi sempra che fa solo bla bla bla
Di giuseppe  (inviato il 23/07/2018 @ 22:38:06)
# 31
Il fratellino dell'ASSESSORA "Santa Maria Goretti di Corinaldo" già gli hanno trovato l'impiego.
BEN VI STA A TUTTI.
Santa Lucia tu che ci sei batti, anzi hai già battuto un colpo.
Di luigi  (inviato il 24/07/2018 @ 14:10:29)
# 32
Mi vuoi dire che pepp o comunist è l avvocato del vice com. per la sua mansarda abusiva? Nooooooooo non ci posso credere.
Di W le cooperative  (inviato il 27/07/2018 @ 16:57:34)
# 33
e fosse solo il difensore del vice, fosse niente.
Di luigi  (inviato il 29/07/2018 @ 14:54:07)
# 34
Giusto festeggiare l’arrivo dell’agosto bruscianese in grande spolvero, ma all’orizzonte neanche l’ombra dell’applicazione delle basilari norme di sicurezza ?????? Mah, guarda un po’ gli organizzatori dai limitati orizzonti, proprio quest’anno da poco insigniti con cariche amministrative sono stati così negligenti nell’organizzazione, senza minimamente dar conto all’aspetto sicurezza ???? E il primo cittadino anche lui forse distratto da altro, nel suo fare per bene, ha ignorato l’orizzonte prossimo. Davvero si intravede poco di buono all’orizzonte e la festa si avvicina, anzi ne siamo entrati nel vivo. Ah quel continuare a denigrare la scorsa amministrazione !!! Ah quel continuare a far rimbombare invano il nome dell’ex sindaco !!! Ah quel voler per forza andare oltre a Giosy !!! Eppure ad onore di cronaca ad oggi tutto questo pare solo utopia. Non che si abbia perso la memoria, ma non si ricorda tale così mal gestione sul piano sicurezza, per una manifestazione patrocinata o organizzata da parte della tanto bistrattata scorsa amministrazione, Amministratori poco avvezzi ??? E bene…….non si può pensare di lasciare senza controllo, ragazzi con fumogeni e bottiglie in vetro in eventi così movimentati e sentiti dalla popolazione. Si parla che alcuni abbiano riportano delle lesioni, questo si sarebbe facilmente potuto evitare con la opportuna presenza della protezione civile e delle forze dell’ordine. Si parla anche di un tavolo per la sicurezza, a sto punto meglio glissare. Allora di che dobbiamo parlare, purtroppo per voi persone 'per bene' che dire: da Peppe a Peppe pare ce ne voglia di strada. Infatti, la lungimiranza e il buon operato, non fanno rima con l’ipocrisia e il falso e scialbo perbenismo. Andiamo avanti "senza se e senza ma"
Di Anonimo  (inviato il 02/08/2018 @ 08:04:45)
# 35
paese allo sbando totale. Parlate e parlate offendete e urlate ma alla fine si vede un paese sempre peggio
Di peppe  (inviato il 02/08/2018 @ 15:04:20)
# 36
si sono associati peppe e peppe uno e per bene,,, l'altro a studiato alla High scool coperativa,,, piu , quaranta moggi
Di giuseppe  (inviato il 02/08/2018 @ 18:23:44)
# 37
Che figuraccia agosto bruscianese. Tre in ospedale, botti e cipolle alle 2 sulla nazionale, fumogeni. L'amministrazione chiacchiera e dopo tre mesi zero a zero. Bravi
Di Anonimo  (inviato il 03/08/2018 @ 15:40:06)
# 38
....hanno qualcosa di singolare....copiano tutto o almeno tentano, invano!! Criticano gli "uomini" e se li pigliano...criticano gli eventi..ma li organizzano senza misure di sicurezza, senza un minimo di controllo ...tutto lasciato ai fumogeni ed agli alcolici ( a bevuruz e a zeffun) ..poi che fanno??? Criticano i giornali..!! Di quei casini, continuati e ripetuti anche fuori casa mia....lotta tra bande con cotanta "cipollona" e/o bomba carta notturna alle 2:30...ripeto..... questi casini, che tanto costavano al vecchio sindaco, ora per magia, sono diventati e descritti come inciviltà' giovanile e popolare!!! Azz...ma voglio dire...mancavano anche i bagni ecologici!!! #ilnullasulnulla
Di Anonimo  (inviato il 07/08/2018 @ 12:56:37)
# 39
Caro Biagio Il Sindaco di una città deve muoversi in uno stretto percorso fatto di norme e leggi del sistema capitalistico. Sarebbero necessarie uscite rivoluzionarie improbabili. A Brusciano abbiamo vinto in contro tendenza sulle destre e i comitati d'affari locali e territoriali, ed anche contro il PD ed il M5S. Quello che conta per essere sintetico e rispondere alla tua richiesta è che ciò è avvenuto in una situazione di crescente entusiasmo intorno a mio figlio e che dopo il primo mese di governo questo entusiasmo si consolida invece di raffreddarsi. Caro amico mio ti prometto che all'inizio della prossima settimana pubblicherò un post su mia pagina Fb sui dettagli dell'azione di governo per cambiare Brusciano.
Di M.montanile  (inviato il 09/08/2018 @ 18:04:35)
# 40
E niente, la #comunicazione #politica è diventata davvero un teatro. Grazie all'uso disinvolto dei social da parte di politici e amministratori ma soprattutto di addetti apprendisti stregoni che per conto dei loro capi rilasciano comunicati e dichiarazioni da operetta, la credibilità #istituzionale, in questo paese, rischia di perire definitivamente.
Il problema riguarda tutti, Governo e opposizione, dal PD alla Lega minori inclusi. Tutti bravi a scatenare le polemiche e l'ira degli avversari, alimentando nel contempo folle di sostenitori, pronti a rispondere al fuoco via tastiera con le peggiori intenzioni.
La Comunicazione politica e istituzionale, una volta gestita da professionisti ai quali veniva affidato un delicato compito, oggi è nelle mani di chi sa spararla più grossa, persone a cui viene affidato il compito esclusivo di fare casino.
Nella comunicazione politica istituzionale moderna italiana, non conta minimamente la verità o l’interesse collettivo.
Eppure dovrebbero saperlo tutti che la dichiarazione di un ministro, di un parlamentare, di un segretario di partito, di maggioranza o di opposizione, non viene letta solo dal "popolo della rete" ma da investitori, dirigenti, imprese, diplomatici, ma anche da persone normali che non vivono solo di facebook e twitter, ma anche di pensioni, mutui, stipendi, acquisti e vendite. Cose che gestiscono spesso orientandosi anche grazie a queste dichiarazioni.
“Il governo aumenterà le pensioni”, “No il governo farà fallire lo stato”. Quanto la comunicazione politica istituzionale orienta ancora le scelte private e non dei cittadini? Qualcuno si pone ancora questa domanda prima di “postare” direttamente o conto terzi?
Di Anonimo  (inviato il 09/08/2018 @ 18:14:36)
# 41
Dopo un mese di governo continuo a vederr zero assoluto e immobilismo totale. Solo carte e chiacchiere, chiacchiere e carte.
Di Luigi  (inviato il 10/08/2018 @ 02:46:53)
# 42
secondo me nu professore se ne andato e un'altro e tornato solo che non sanno suonare il paese e peggio di prima vigili assenti marciapiedi occupati automobili messi alla cianfrasà cacca dei cani da per tutto monnezza da per tutto per dare un po d'ordine non ci vogliono le carte diceva il grande totò con la carte si pulisce il culo mettetevi a lavorare seriamente se state all'altezza oppure se avete fatti compromessi va bene
ancora una volta le persone per bene subbiscono
Di  giuseppe  (inviato il 10/08/2018 @ 16:03:15)
# 43
Elezioni a Brusciano, Il candidato sindaco Vincenzo Salvati rinuncerà al compenso insieme agli assessori se eletto. Ricavato destinato al sociale
Redazione 27 aprile 2018
Ancor prima che inizi la campagna elettorale, il candidato sindaco Vincenzo Salvati annuncia il suo primo proposito: “In caso di vittoria, rinuncerò al compenso che mi spetta come sindaco di Brusciano e insieme a me lo faranno anche gli assessori...
Di Anonimo  (inviato il 11/08/2018 @ 10:26:06)
# 44
Salvati il bruscianese perfetto. Ve lo ha messo nel c.... a tutti e tutti ora a parlare. Statev zitt band e sciem
Di LUIGI  (inviato il 11/08/2018 @ 12:33:59)
# 45
a brusciano c'è ne sono senza dignità uuuuu hai voglia e quanti ne sono
Di luigi  (inviato il 11/08/2018 @ 13:41:05)
# 46
ma poi e cacciuttiell e giosino quello di senza se e senza ma che fine anno fatto madonna che figuraccia di merda
Di luigi  (inviato il 12/08/2018 @ 13:37:21)
# 47
Una delusione grande grande grande...a Brusciano avete VINTO RISPETTANDO TUTTO CIO' che non è politica per bene! avete sparlato continuamente del precedente sindaco e della sua amministrazione , e poi con tanta falsità li avete accolti consiglieri ed assessori nella politica per bene!delle vostre liste
ed la cosa più folle è che avete vinto con il bene placido dei comitati di affari...da qui a qualche mese i Bruscianesi capiranno cosa è la politica per bene con gli affidi e gli incarichi a ditte compiacienti.
Qui non si vede nulla di nuovo agli ORIZZONTI...poi c'è stata la ciliegina sulla torta di TERRA NOSTRA con i suoi MANIFESTI 6X3 dove annunciava di non PRENDERE LO STIPENDIO DALLE CASSE DEL COMUNE...ed invece è stato il primo ad incassare lo stipendio...bugie bugie e solo bugie.
E poi non si deve dimenticare che UNA RONDINE NON FA PRIMAVERA!
Vogliamo parlare della Festa dei Gigli...il presidente della commissione festa non è mai presente e quando è presente e come se non lo fosse ...perché decide tutto il Sindaco per bene!
Alla fine se non va bene niente è sempre colpa del sindaco precedente e di qualche amico di POGGIMARINO Comune amico della polita per bene!

Agosto Bruscianese è iniziato con botte da orbi e sta continuando, per il paese non c'è controllo e vigilanza ...a proposito il Comandante dei Vigili urbani dov'è???
La spazzatura continua ad essere protagonista anche nei giorni di festa.
...a proposito se volete parcheggiare a Brusciano durante la festa bisogna pagare 3 euro a chi???
Di Anonimo  (inviato il 24/08/2018 @ 14:41:29)
# 48
gente seria fonda le proprie affermazioni su
dati certi e conoscenza dei fatti.. mentre i cialtroni le fondano su menzogne e illazioni..POVERA BRUSCIANO come sei caduta in basso..
Insomma vi sto dicendo che siete al livello del pagliaccio del circo, quello cattivo.
Di Anonimo  (inviato il 25/08/2018 @ 12:35:48)
# 49
Riso amaro...
Di nicola  (inviato il 26/08/2018 @ 03:29:02)
# 50
noi stiamo a paranza chiena rosicati rosicati 5 anni non avete tappato un buco avete fatte solo infamità
Di luigi  (inviato il 26/08/2018 @ 07:22:10)
# 51
Finalmente sappiamo chi è il sindaco di Brusciano... Angelo Mocerino detto pescatore!
Di Anonimo  (inviato il 26/08/2018 @ 16:05:25)
# 52
presidente ente festa dott. Cerciello voi siete una persona per bene, per il bene della festa, dovete squalificare il comandante della gioventu', lo so è brutto, pero' non è possibile che per colpa di uno solo che oramai si è capito non vuole bene la festa ne ai cittadini , si deve buttare all'aria il lavoro fatti da tutti e soprattutto i soldi di tutti i bruscianesi. Brusciano ha fatto nel passato una grande festa dei gigli perché ha avuto dei grandi comandanti e degli uomini d'onore come lo era suo padre, ritorniamo a quei tempi, altrimenti questa festa morira' come sta già morendo. dott. Cerciello voi siete una persona nobile e di cuore, fate ragionare il sindaco e date una diritta a queste persone, altrimenti è la fine di tutto.
Di Marco  (inviato il 26/08/2018 @ 17:19:12)
# 53
fanatici fanatici fanatici si mettono in mostra in processione con il santo che senso a fanatici se fosse il prete vi caccerei dalla chiesa buffoni
Di  luigi  (inviato il 26/08/2018 @ 18:10:44)
# 54
accordo si, accordo no, il passo veloce non lo ha rispettato, la versione del giglio della gioventù, ma la cosa assolutamente grave è che il sindaco e l’ente festa sapessero dell’esistenza dell’accordo per la “cacciata” della gioventù.
ancora più grave e ingiustificabile l’alt dato dal sindaco al passo veloce, giglio politicamente più debole...
meno male che è comunista va.
Di felice  (inviato il 27/08/2018 @ 13:31:48)
# 55
Ci vogliono competenza, esperienza, carattere e palle per prendere determinate decisioni...
Decidere per il pugno duro per evitare il ritorcersi contro di tutto...
... e invece... uno scivolone clamoroso... Abbiamo visto tutti che gli avete fatto fare di nuovo ciò che voleva!
Ognuno ha fatto ciò che voleva...
Una festa sulla carta dedicata alla pace, alla sicurezza e alla legalità che invece, con la vostra discutibile decisione, è stata all’insegna della tensione e della rabbia ...
... poi, lasciando fare il “sorpasso in curva”, avete messo in pericolo l’incolumità di persone che erano a ridosso dei due gigli...
...intorno alle 3 di notte, ho visto di tutto: venditori di bibite abusivi ovunque, macchine che passavano indisturbate nei tratti di strada dedicati al percorso giglistico, gigli che si sono sentiti liberi di fare qualsiasi cosa... per non parlare dei bigliettini (tipo quelli delle estrazioni natalizie) staccati dai vostri ausiliari alla sosta perché le vostre tanto osannate colonnine dei ticket hanno smesso di funzionare...
Complimentoni!
Credo che abbiate fallito clamorosamente il vostro primo importante compito da “amministrazione del cambiamento” 😂
Adesso oltre all’elenco delle cose “straordinarie” che avete fatto in 2 mesi...
...per favore, ci fate anche quello delle figure di m... a?!
La mia festa non morirà... tornerà a splendere... la #luce in fondo al tunnel c’è, però, per ora è ancora lontana!
Di Anonimo  (inviato il 27/08/2018 @ 15:29:20)
# 56
Un paese marcio...ed in piena putrefazione,si lascia trascinare in beghe giglistiche da personaggi senza un briciolo di dignità,dediti allo sfruttamento umano ed allaccatonaggio,senza una guida e senza identità... Lo scrittore siciliano Leonardo Sciascia, divideva l'umanità in Uomini, mezz'uomini, ominicchi, pigliainculo e quaquaraquà.


Di Anonimo  (inviato il 27/08/2018 @ 16:07:50)
# 57
Fora ô vascio

Fora ô vascio 'e Nanninella,
ce sta ggente ogni matina,
tutte amiche e cummarelle,
Rosa, Assunta, Carmilina...

Fanno 'o cunto d' 'a jurnata:
" chella ha fatto..., chillo ha ditto....,
Che dicite...?! Ll'ha lassata ?! "
" Nun 'o ssaccio....! M'hanno ditto....! "

" Che dicite ?! Iàte annanzo !
E cuntàte pilo pilo ! "
"Sì, però dàteme 'o canzo ! !
Dice.... cu una ô Rettifilo ...! "

E 'sti vvoce, comme 'o viento,
po' se spanneno cca e lla,
doppo manco 'nu mumento,
fanno 'o giro d' 'a città...

Chi s'affaccia da 'o balcone,
chi esce fora d' 'a cucina.
" Comme ?! È muorto Pachialone ?! "
" Steva 'ncoppe 'a uttantina ! "

E 'sti femmene, 'int' a niente,
fanno 'a folla e, mano mano,
'nu rumanzo già addeventa
tutt' 'a vita 'e 'stu crestiano...

" Cummarè, jate a ffà 'a spesa ?
Mm' 'o facite 'nu favore ?
Tengo 'a spannere 'sta stesa,
mm' 'o ppigliate 'o ppoco addore ? "

Donn' Amalia ô primmo piano,
spanne 'e panne 'ncopp' 'e ccorde,
se sta accorta, chianu chiano,
ogni pezza è 'nu ricorde ...

Da 'e petaccie 'a 'int' 'o vacillo,
ne piglia una e doppo 'a stenne.
Se so' fatte 'nu murzillo
tutte 'e veste 'e chella nenna...

Chesta è 'a vita fora ô vascio,
cu 'sti femmene nciucere,.
'Na mutanda care abbascio,
" Donna Ama' ! E cche maniere ?! "

Chesti cca so' cartuline,
so' buzzette 'e 'nu pittore,
ma però dint' 'ammuine,
tu ce liegge pure 'o core...!
Di Anonimo  (inviato il 27/08/2018 @ 18:51:26)
# 58
La festa non funziona perché la usate per scopi politici. Ma è normale che il martedi sera il sindaco fa un comizio di 20 minuti e si mette a parlare di quello che ha fatto e dell'opposizione? Ma che centra con la festa? Ma a chi interessa che è stata riaperta viale europa? Che è stato pulito il percorso della.processione? Che non sono stati assunti altri operatori ecologici in modo clientelare? Ma della festa quando ne parlate? Quando la si vive? Quando.la.smettete di rompere le palle con quello che fate e quello.che non ha fatto l'amminiatrazione precedente? Ma sant'antonio nei vostri discorsi miseri non c'è mai! I costruttori dei gigli...i cullatori...i bruscianesi che vengono da fuori...questi sono gli argomenti! Hai riaperto viale europa e xhi caxo se ne fotte? A noi interessano i valori della festa che non riuscite a trasmettere in nessun modo. Solo cattiverie e inciuci.
Immaginate un turista che si trova a brusciano e assiste a discorsi del genere? Parlate e sparlate. Vantate voi stessi e state sempre a fare frasi a doppio senso.
Viva Sant'Antonio!
Una preghiera in più e nu nciucio in meno....campate meglio!
Di Anonimo  (inviato il 29/08/2018 @ 09:37:04)
# 59
Grande novità della festa.
Il martedi non c'è più il cantante ma il comizio sconclusionato di Peppone.
Accorrete e ringraziate per i numerosi miracoli fatti.
Di don peppone  (inviato il 29/08/2018 @ 09:46:24)
# 60
Grande segnale x l'ambiente la chiusura della 143 esima edizione della festa dei gigli con il lancio dei palloncini complimenti al sindaco Montanile buon lavoro.Ha dimenticavo e il grande comizio.Auffidersen
Di Anonimo  (inviato il 29/08/2018 @ 09:51:44)
# 61
Come si vede per quello che scrivete sui social, non stando al potere vi rode l'anima...Perché non pappate più!!
Di Anonimo  (inviato il 29/08/2018 @ 09:54:41)
# 62
AMMA RAT A LANTERN MAN E CECAT
Di Anonimo  (inviato il 29/08/2018 @ 10:19:19)
# 63

La politica per bene ha chiuso la festa dei gigli con un GRANDE COMIZIO CONFUSIONALE...

Era meglio un concerto dei NEGROAMARO! almeno eravamo in tema.
Invece di fare pagliacciate come quelle di non sparare i fuochi di artificio a chiusura di una festa patronale...FAI UN ORDINANZA DOVE E' ASSOLUTAMENTE VIETATO SPARARE I FUOCHI DI ARTIFICIO di sera in qualsiasi luogo,e di VIETARE schiamazzi notturni DI auto e moto!
se non ti riesce fare questo, poi chiedere al sindaco di Somma Vesuviana in modo che ti da una dritta su come fare ed applicare un ordinanza visto che il paese dopo le 22:00 di sera è allo sbando completo.
Per il bere in Comune! LA Politica per bene!

Di Anonimo  (inviato il 29/08/2018 @ 10:40:05)
# 64
ma come vi permettete di giudicare fate i seri i comunisti siamo fatti cosi dobbiamo dire le cose come stanno quello che pesca fa il nostro sindaco e io parlo
Di Anonimo  (inviato il 29/08/2018 @ 15:30:06)
# 65
La festa è finita, peccato che insieme ai palloncini non siano volati via certi "sinistri" personaggi.
Alla prima uscita della nuova amministrazione un totale fallimento! Tutti scontenti! cittadini, paranze e comitati, gli unici sorridenti sono quelli vicini alla "politica perbene" che con affidamenti arbitrari e di dubbia regolarità hanno ricevuto in dono appalti per la gestione dei parcheggi e per l'animazione dei bambini.
Il piano parcheggi ha solo creato un danno alle casse comunali con un costo di quasi 9.000,00 e con un ricavo? di poco o nulla! e senza risolvere l'abusivismo tanto acclarato!!!
Il regolamento della Festa dei Gigli e l'Ente Festa delegittimati e calpestati dallo stesso creatore e sostenitore, avallando uno "pseudo accordo" per poi ritrattare, e dire tutto il contrario di tutto, in perfetto stile del personaggio in questione!
La scorrettezza nell'approfittare della serata conclusiva, di solito momento istituzionale destinata ai ringraziamenti e alla premiazione dei comitati, utilizzata per un comizio elettorale di cattivo gusto e di difficile comprensione.
Ancora una volta ti chiediamo, per il bene di Brusciano,

#DIMETTITI!!!!!

#NONSARAIMAISINDACODITUTTI

#BRUSCIANOLIBERA
Di Anonimo  (inviato il 29/08/2018 @ 21:27:13)
# 66
!!il comunismo si sà è così. Toglie la parola toglie la democrazia e la libertà di stampa e di pensiero dell'individuo. E paghi regolamente la tassa di affissione. Un po' come la festa dei gigli ai suoi fate ciò che volete il capoparanza può permettersi di fare anche il SINDACO, abusivismo dei venditori d'acqua, e vendita di bottiglie di vetro. Tu non puoi perché non hai votato PEPPE MONTANILE. Giosy Romano era discutibile su delle scelte ma almeno questi errori non li commetteva.
Di Anonimo  (inviato il 30/08/2018 @ 08:14:22)
# 67
ma quale comunismo il 2013 stava con giosino cioè forza italia e stato cacciato per le polemiche e senza risultati positivo, adesso e tornato di nuovo rinascita sinistra e poi che ci azzecca de magistris,,,, un'altra cosa anche il parroco a tradito giosino non l'avrei mai pensato con tutte quelle manciate di cozze insieme
Di peppe  (inviato il 30/08/2018 @ 13:22:38)
# 68
Peppe per il bere in comune, sei stato per cinque lunghi anni culo e camicia con Giosino ti sei preso i suoi assessori e consiglieri e la sua opposizione.
L' Ente festa l'aveva creato l'amministrazione precedente con i suoi consiglieri ed oggi sono i tuoi consiglieri.
Hai sostenuto politicamente cinque anni fa il tuo caro Giosino e lui che è un signore ha ricambiato con qualche incarico?
Parli e sparli continuamente della vecchia amministrazione ma con quale coraggio!
Dopo un mese sei alla frutta...grazie alla verdura ed all' orizzonte non si capisce se ci sono nuvole o temporali...ma tra qualche giorno vedremo...
E poi per non fare brutta figura con il Paese le dimissioni a questo punto non ti devono essere chieste da buon comuni-forzista quale sei!... li devi dare in autonomia...senza se e senza ma!


Di Anonimo  (inviato il 30/08/2018 @ 17:06:12)
# 69
L’incompetenza fa danni e alla fine chi ci rimette è sempre il cittadino! Fallimento totale!
Di Anonimo  (inviato il 30/08/2018 @ 21:35:58)
# 70
Non sono perfetto, non ambisco ad esserlo e sicuramente non lo sarò mai. Ma so chiedere scusa e ringraziare. Ogni volta che lo necessita.Tu invece prova a chiedere scusa a tutti i bruscianesi,se ne sei capace,per le tue bugie e le tue incapacità...Vedrai un giorno qualcuno potrà anche perdonarmi...
Di Anonimo  (inviato il 31/08/2018 @ 21:19:50)
# 71
“In Calabria dipendenti pubblici più pericolosi della ’ndrangheta”Azz m par o comunque e bruscian###
Di Anonimo  (inviato il 01/09/2018 @ 22:54:01)
# 72
LE OPERE PUBBLICHE, LA NORMATIVA E LA CORRUZIONE

Le lungaggini nella realizzazione delle infrastrutture pubbliche sono determinate da una serie concomitante di cause.

Senz'altro esiste un problema di complessità delle normative e una lentezza atavica della macchina burocratica. Tale situazione, però, è il frutto storico di un sistema che prova a difendersi dalla endemica corruzione (spesso concussione) attraverso un inasprimento normativo che finisce, paradossalmente, per generare a sua volta altra corruzione, nel tentativo di bypassare illecitamente i numerosi "colli di bottiglia" generati dalla stessa elefantiaca normativa, nemmeno poi tanto ingenuamente accumulata per decenni con l'obiettivo soltanto dichiarato di proteggerci dal malaffare.

Non è da dimenticare, poi, che in tale quadro normativo si inserisce opportunisticamente l'enorme contenzioso civile e, soprattutto, amministrativo che penalizza solo gli imprenditori onesti e corretti (pochissimi per la verità). Cosí TAR e Consiglio di Stato alimentano a loro volta lungaggini, corruzioni e "patteggiamenti" politici.

Peraltro, anche gli stessi imprenditori ricavano vantaggi indiretti dall'attuale sistema di ritardi visto che genera anche ricalcoli incrementativi dei costi e spesso anche risarcimenti milionari.

Certo, sembrerebbe logico spezzare questa spirale perversa mediante una decisa sforbiciata alla tempistica eliminando "lacci e lacciuoli". Ma facendo ciò sicuramente i malfattori prenderebbero ulteriore spinta ma non si avrebbe neppure la sicurezza che le opere si facciano poi più rapidamente e, soprattutto, a regola d'arte.

Il sistema è marcio, consolidato e trasversale, quindi ogni soluzione finirebbe per riprodurre il SISTEMA.
🤣
Di Anonimo  (inviato il 04/09/2018 @ 12:12:02)
# 73
vivo in un paese che si scandalizza perche un giglio passa davanti a un'altro e non dice una parola alle stese quotidiane,che vergogna
Di Anonimo  (inviato il 04/09/2018 @ 14:26:45)
# 74
Nuovo piano regolatore di Acerra: “Suoli agricoli da rendere edificabili. Sono di politici e tecnici comunali”
Di Anonimo  (inviato il 04/09/2018 @ 17:00:09)
# 75
acceritev
Di pippone  (inviato il 04/09/2018 @ 18:52:21)
# 76
Ente festa siete servi senza un soldo....figuriamoci se vi mettevano con un incarico retribuito....stavate già a 90 gradi. Vergognatevi tanto
Di Pasquino  (inviato il 06/09/2018 @ 22:53:40)
# 77
Pasquino è risorto! X - |
Di Anonimo  (inviato il 07/09/2018 @ 10:24:24)
# 78
Pasquino, il ritorno degli zombie in cerca di riciclaggio, cos'altro ti è andato storto? X - |
Di Anonimo  (inviato il 07/09/2018 @ 10:26:09)
# 79
Pasquino, il ritorno dello zombie, da Peppe a Peppe andata e ritorno. Anche il vino del .............. con gassosa ............. è più buono : - o
Di giovanni  (inviato il 08/09/2018 @ 14:41:45)
# 80
Chi ha reso questo paese cattivo è merce di scambio della più becera delinquenza di strada, quella delle stese, per intenderci? È proprio vero, o meglio de romani, nessuno escluso, uccise a Gesù Cristo...
Di Peppe  (inviato il 09/09/2018 @ 01:18:36)
# 81
Caro Giovanni, ogni tempo ha il suo Pasquino... Ma queste non sono “pasquinate” ma il vano tentativo di chi, nato nel pantano, cerca di intorpidire l’ambiente cristallino circostante. Hai ragione, oggi Pasquino è di nuovo statua, o zombie se ti piace, però chi gli diede la parola oggi altro non è che un fossile, anzi polvere...
Di Pasquino il romano  (inviato il 09/09/2018 @ 02:36:07)
# 82
e così sia!
Di giovanni  (inviato il 09/09/2018 @ 09:50:13)
# 83
Si comunica che lo stipendio del Vice Sindaco è pari ad 1.317,73, per mero errore materiale è stato indicato sul sito web del Comune di Brusciano l'importo pari di €.1610,57 risultante dalla sommatoria del mese di luglio pari a €.292,84 + le spettanze per il mese di agosto pari ad €.1317,73.Ecco non scrivete cazzate,il vice sindaco ha una s-o-l-a parola
Di Anonimo  (inviato il 11/09/2018 @ 09:36:05)
# 84
Caro Vice Sindaco...Salvati! noi sappiamo bene che hai una SOLA PAROLA!
Quindi se il Popolo Bruscianese ha capito bene...dovrai devolvere quasi 80.000 euro circa alla nostra comunità DA QUESTO MESE FINO A TERMINE MANDATO.
Tu sei un uomo tutto di un pezzo e siamo sicuri che attraverso la tua rinuncia allo stipendio cosa già capitata nella precedente amministrazione sarà fatto sicuramente qualcosa di utile per la #Terranostra.

Di Anonimo  (inviato il 13/09/2018 @ 10:56:18)
# 85
http://www.ilmediano.com/brusciano-il-candidato-sindaco-vincenzo-salvati-rinuncera-al-compenso-insieme-agli-assessori-se-eletto/
Di Francesco  (inviato il 13/09/2018 @ 11:17:33)
# 86
Illuminati di saggezza e perbenismo si sbandiera ai quattro venti, che a Brusciano è in corso la sostituzione dei corpi illuminanti a led in alcune strade cittadine. Ma forse giusto per onore di cronaca, sempre per mero vizio di forma, ci si dimentica che la pianificazione del progetto di riqualificazione ed implementazione dell'illuminazione pubblica è iniziato dall'operato della sempre 'sbadata' amministrazione precedente, che con spirito di oculatezza e in base alle risorse disponibili, ne aveva dettagliatamente predisposto il servizio anche per il futuro prossimo. Quindi diciamocela tutta, si può anche semplicemente parlare giustamente di aver dato seguito ad un servizio già ampiamente pianificato dalla vecchia compagine governativa, che ha visto coinvolte in primis una zona del rione ex 219 e piazza XI Settembre e poi altre strade. Sempre la stessa amministrazione, la quale a sto punto guarda un po' si scopre, aveva già permesso in alcune strade di risparmiare circa il 50% del costo energetico. Per gli scettici ed i poco avvezzi di tastiera si riportano i link degli articoli pubblicati:

https://www.torresette.news/comuni-vesuviani-altri-comuni/2017/10/27/brusciano-nuovo-impianto-di-illuminazione-nell-area-di-edilizia-residenziale-ex-219

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=1&sr_id=26&ar_id=53026

http://www.sciscianonotizie.it/brusciano-al-via-la-riqualificazione-e-l-ammodernamento-dell-illuminazione-pubblica/
Di Anonimo  (inviato il 17/09/2018 @ 07:08:10)
# 87
L'amministrazione del nulla!
Lo sapevate che questi signori ad oggi non hanno ancora pagato gli SCRUTATORI che hanno svolto servizio elettorale a Giugno.
Ci dite un po' che fine hanno fatto i soldi dei parkimetri installati durante la festa dei gigli!
Vogliamo parlare delle scuole...manca carta igienica...fogli per fotocopie...e toner nelle stampanti...Per non parlere della festa dei gigli...che risultato brillante è vero Sindaco? e vero Presidente? Del vice sindaco è inutile che ne parliamo perché il popolo non ha ancora capito per quale motivo lo paghiamo....

Vogliamo parlare dei topi e dell' immondizia che è sempre presente per le strade del nostro paese...
Oppure degli schiamazzi notturni fuori controllo per le vie del nostro paese e sulla piazza undici settembre ed all' incrocio di via Cimitero!
Degli spari poi non ne parliamo proprio!
Consiglieri ed amministratori senza spina dorsale e dignità propria! cosa fanno e cosa dicono in questioni serie come queste?
Siamo arrivati a metà settembre senza che avete fatto qualcosa di utile per Brusciano.
Anzi solo dichiarazioni sui giornali che volete fare ...che poi farete...che poi è la colpa del vicino...
CHIACCHIERE SOLO CHIACCHIERE!
La politica delle chiacchiere! come siamo caduti in Basso!!!Vergognatevi
Di Anonimo  (inviato il 17/09/2018 @ 12:57:20)
# 88
I detti antichi non falliscono mai: oggi è la volta di questo famosissimo: “Chi chiann fott a chi rirrr” (chi si lamenta di continuo poi ottiene più di chi sorride)
Ma sti soldi li hai trovati o no?!
Il”neo” sindaco di Brusciano nell’insediarsi quale primo cittadino, oltre a piangere per aver dovuto affrontare le fatiche di Ercole per la organizzazione della “poderosa”macchina della festa dei gigli, ha pianto anche lamentando una assenza di fondi cioè di soldi per fare le cose basilari per la festa stessa, e così sono state spostate ingenti somme pari ad euro ventimila (20.000,00) dall’area assistenza sociale (servizi per disabili,bambini diversamente abili, dormitorio) portandoli sulla festa dei gigli con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti!
E meno male che si è impegnato?! Forse sarebbe stato meglio un minore ego centrismo a vantaggio di un maggiore riconoscimento delle prerogative dell’Ente Festa!
Se ne sarebbe avvantaggiato Brusciano, la Festa e i Comitati!
Poi ha continuato a piangere per l’assenza di soldi per la messa in sicurezza delle aule della De Ruggiero in Via Veneto, che si sono scoperte essere non all’altezza di un comune come Brusciano, ma ha trovato i fondi pari ad euro quattromila e cinquecento (4.500,00) da anticipare ad un Avvocato di San Giuseppe vesuviano (come se noi qui a Brusciano non avessimo illustri colleghi capaci di rappresentare l’Ente in una discutibile costituzione di parte civile) per cercare di ripulire la reputazione del nostro Paese attraverso le aule di giustizia!
Allora, se questa amministrazione tiene tanto alla reputazione del nostro Paese, paghiamo un altro legale con il mandato di chiedere un risarcimento per i danni che ha subito l’intera comunità Bruscianese e la macchina da festa per la sciagurata gestione dell’ Ordine Pubblico! Opss e poi chi sarebbe il soggetto costretto risarcire?! Lo stesso che conferisce l’incarico?! Nooo poi faremmo ridere i polli!
Come se non bastasse, mantiene in giunta un assessore che continua ad essere sistematicamente assente ad ogni riunione della stessa, pur avendo un ruolo assolutamente centrale, continuando però a percepire un lauto stipendio da euro mille e trecento (1.300,00) come se fosse l’unico depositario della conoscenza, mortificando giovani professionisti amanti della “Bruscianesita’”che tanto potrebbero dare realmente in termini di senso di appartenenza e di impegno ma che vengono tenuti in un angolo!
Ma insomma, la vogliamo smettere di pensare sempre e solo al proprio orticello!
Vogliamo mettere mano ad un meccanismo di meritocrazia reale che tenga conto veramente del merito e non della spartizione della cosa pubblica!
Restiamo in attesa che le lacrime di coccodrillo o caimano si asciughino e si mettano un po’ a lavorare seriamente!
Si avvicinano i famosi 100 giorni in cui tutti i nuovi amministratori sono soliti fare un primo bilancio di ciò che hanno fatto e di ciò che hanno già cantierato!
Questi ancora piangono dicendo che si sono appena insediati!
Sono curioso di assistere alla ennesima pantomima della mancanza di fondi cioè soldi e delle immani fatiche da affrontare! Chi chiagnnn fott a chi rir! I detti antichi non falliscono mai!
Di Anonimo  (inviato il 23/09/2018 @ 01:56:12)
# 89
100 giorni!!!
Sindaco non Pervenuto!
V.Sindaco presente solo a fine mese grazie ai 1.317,73 cosa bella è che non si capisce l' incarico affidadogli dal suo avvocato... dai sei ancora in tempo Salva... ti!!!
Assessori completamente ASSENTI!
Consiglieri pecore(ni).
Solo annunci a mezzo stampa...risultati zero!

A' facc ra' politica per Bene!

#DIMETTITI!!!!!
#NONSARAIMAISINDACODITUTTI
Di Anonimo  (inviato il 25/09/2018 @ 14:25:57)
# 90
Il problema è che il popolo bruscianese crede a tutto e non si informa. Il problema è che i cittadini votano con la pancia e non con la testa. Il problema è che i cittadini preferiscono sentire promesse anche irrealizzabili piuttosto che la realtà. Il problema è che il cittadino non si informa ma segue l’onda del momento....
Di Anonimo  (inviato il 27/09/2018 @ 08:48:22)
# 91
La purga SOVIETICA... IL TEATRO POPOLARE NAPOLETANO Rev. Parroco SalvatorePURCARO
Sig. SINDACO avv. Giuseppe MONTANILE
SALA POLIVALENTE /LUOGO DI CULTO
CHIESETTA DELLA PIETA’”
Leggo e rileggo la sua missiva con la quale per motivi che non riusciamo a comprendere ci “invita a lasciare la sala”. Ci accusa di avere utilizzato la struttura in maniera esclusiva attribuendo a noi la facoltà di concederne l’utilizzo ad altre associazioni ed infine paventa possibilità che la nostra associazione abbia scopo di lucro. Tutte accuse, naturalmente, senza fondamento. Lei sa bene che per accordo, con la stipula del “comodato d’uso “, eravamo tenuti a dare accoglienza a chiunque chiedesse al Comune (ente preposto) l’utilizzo della sala. Ma le diremo di più. Noi eravamo contenti di ospitare altre manifestazioni non per “convenzione” ma per convinzione, ritenendo la struttura di pubblica utilità per il paese tutto. E, alle associazioni e scuole che ne hanno chiesto l’utilizzo, abbiamo sempre messo a disposizione gli impianti che occorrevano: luci ed amplificazione, e una quadratura nera in tela che nasconde il muro perimetrale fracido (quello ristrutturato!) senza chiedere un centesimo sebbene siano attrezzature da noi comprate. La consegna della chiave a lei da parte dell’ex sindaco colora di giallo (o sa di farsa…). Profittando di un cambio di serratura rotta, (lei ed il sindaco eravate presenti ad una manifestazione voluta dalla proloco e dal sindaco) fu sostituita la serratura a spese del comune e con un dipendente del comune addetto a ciò. (non si tratta di un nostro associato). Da quel momento lei è ritornato possessore della struttura vietandoci fin da subito l’utilizzo. Abbiamo dovuto pattuire con lei le entrate, chiederle di volta in volta l’apertura della porta, e non ha creduto di lasciarci una chiave per comodità di utilizzo e non certo perche saremmo diventati padroni della struttura per usucapione. (!!) Dell’ex sindaco… non siamo riusciti ad incontrarlo per chiarire la storia , tutti in silenzio per non disturbarla. (servivano voti? Mi perdoni, ma penso che la ragione di questa operazione sia proprio questa.) Ci ha chiesto la programmazione per esaminarla. Sebbene poco convinti della sua disponibilità, le abbiamo presentato un programma ridotto al minimo, escludendo rappresentazioni per scolaresche coinvolte in un progetto intitolato ad un Bruscianese “Antonino Tramontano” , progetto che era sul punto di partire. Ci siamo rivolti al sig. Sindaco per avere collaborazione. In un incontro fortuito. il nostro Presidente era stato convocato dall’assessore Negri per concordare una programmazione di attività teatrali e culturali nella sala polivalente, il Presidente Antonio Giorgino ha esposto all’avv. Montanino sindaco di Brusciano le sue perplessità per il comportamento del reverendo parroco. Il sig. Sindaco, (è a conoscenza che non è stato votato dalla famiglia Giorgino: sei voti) con modo stizzoso ha invitato il Presidente sig. Giorgino a chiedere una mano all’ex sindaco. Dimenticando forse che il sindaco eletto è sindaco di tutti (lo sento da tanti politici) e la questione posta non era di carattere privato-familiare, ma riguardava una struttura che certamente è del comune e di certo l’ente ha intestato il contratto di fornitura elettrica e ne paga i consumi. A seguito di quell’incontro, silenzio tombale anche dall’ente comune,e dagli assessori al ramo. E tanto ci è bastato per avere conferma che questa amministrazione, come la precedente, non dedicherà nemmeno un minuto ed un centesimo per le attività culturali fulcro di ogni paese che vuole emergere. L’attuale sindaco, come il precedente, non vuole mettersi contro il reverendo parroco..(sempre questioni di voti e favori). Tralasciamo la caparbietà con la quale il parroco vieta l’utilizzo della sala per il laboratorio. Il sabato serve..ad altre attività, dimenticando che ha a disposizione anche la sala della parrocchia San Sebastiano. I commenti dei familiari dei ragazzi ,e dei nostri amici spettatori che sul famigerato whatsApp riuniti in gruppo commentato l’accaduto sono delusi e ci invitano a non pubblicare i loro messaggi per “paura”. Si, reverendo Parroco, paura. Nei suoi confronti, sig. Sindaco, amara delusione anche da chi l’ha votato. Noi, se impossibilitati rinunceremo al laboratorio per i ragazzi e rinunceremo a fare spettacoli per la cittadinanza a prezzi familiari. Ma continueremo a fare teatro con amore e per amore del pubblico, in altri posti dove troveremo accoglienza e sostegno e lontani da chi non gradisce i nostri sacrifici.

IL PRESIDENTE
Di Anonimo  (inviato il 27/09/2018 @ 18:52:30)
# 92
x il 90.. scusami . il problema di brusciano te lo suggerisco io le cose come stanno per 50 euro sono capace di fare infamità che non hai idea sono capace di infamare le persone per bene. figli di delinquenti che a brusciano non anno mai lavorato con giosi si sono venduti per 50 euro per dire delle cose che fanno schifo come la razza da dove appartengono non anno una professione non anno un mestiere solo con 50 voti vogliono vivere su questo comune le persone per bene questo comune lo schifo
Di antonio  (inviato il 27/09/2018 @ 20:55:38)
# 93
Politica perbene, brusciano cambia, ma la musica e i musicanti sono sempre gli stessi. Caro sindaco, ha voluto vincere facile ed ora all'orizzonte deve guardare, sapeva che all'orizzonte c'erano ombre nere, ma pur di vincere ha voluto perseverare ed ora paghi il salato conto, purtroppo o beve o affoga, ma lei di sicuro preferirà bere...
Di antonio  (inviato il 29/09/2018 @ 14:26:06)
# 94
Il sindaco di brusciano... un cagnolino all'orizzonte
Di anonimo  (inviato il 29/09/2018 @ 15:14:54)
# 95
festa dei gigli brusciano buffoni pagliacci senza regole
festa di gigli barra zitti muti con regole e pecoroni
Di luigi  (inviato il 30/09/2018 @ 19:28:55)
# 96
Come volevasi dimostrare, di “perbene” ci sono stati solo gli spot elettorali!
Si viene “accusati” di fare un’opposizione distruttiva, denigratoria, ma purtroppo è l’EGO ad amministrare Brusciano e l’opposizione non può far altro che denunciare un simile comportamento!
Proporre un’opposizione costruttiva e risolutiva rispetto ai problemi di Brusciano, con questo sindaco, è pura illusione!
L’EGO prima di tutto!!! Lo stesso EGO che ha portato un ulteriore debito nelle casse comunali per la messa in opera degli inutili parchimetri; lo stesso EGO che ha portato un giglio ad abbandonare una festa all’inizio della sua competizione; lo stesso EGO che non chiede supporto per l’emergenza criminalità, a persone di acclarata competenza come il consigliere Carminantonio Esposito.
L’apertura al SOLO consigliere Antonio Castaldo, sulla questione “Teatro Popolare Napoletano”, è stata una farsa!! E’ stato un bluff!
Anche in questo caso l’EGO l’ha avuta vinta sulla risoluzione dei problemi di Brusciano e sulla politica PERBENE!
Purtroppo, noi, con questo EGO, vediamo solo
“NA MALA JURNATA”!
Di Anonimo  (inviato il 06/10/2018 @ 17:20:12)
# 97
sempre i stessi politici a brusciano,,si tramandano da padre, figli, nipoti pronnipoti, e pronnipotini,,promuovere la marcia per la pace, si dovrebbero solo vergognare non sono degni di questa manifestazione, cosi' importante nel sociale.ne hanno solo beneficiato su questo paese terreni edificabili in via g,de ruggiero per arricchirsi,posti nei vigili, successivamente nella regione ma quale futuro possono sperare i bruscianesi da queste sanguette
Di Anonimo  (inviato il 07/10/2018 @ 11:04:36)
# 98
"NU JUORN BUON" ... doveva esserlo!
Questa volta a farne le spese è l'assessore Antonio Castaldo del PD, che, in solitaria, aveva chiesto un tavolo di confronto per risolvere la diatriba tra Amministrazione Comunale, Parroco e Teatro Popolare Napoletano.
Operazione miseramente fallita, molto probabilmente per non consentire al consigliere Castaldo di essere l'artefice di una possibile conclusione positiva, l'amministrazione nella rappresentanza del Sindaco Giuseppe Montanile e dell'assessore Lucia Casalvieri, hanno boicottato il tavolo di lavoro alla quale non avevano invitato la restante rappresentanza dell'opposizione.
Alla fine a pagare il conto è la città di Brusciano, che non attraversa un periodo sereno con le continue stese, il sorriso dei bambini è sempre più lontano da quel progetto elettorale che l'attuale Sindaco aveva promesso!
All'appello manca il Vicesindaco Vincenzo Salvati, che avendo la delega al Patrimonio, dovrebbe essere colui che ha le competenze per poter districare la matassa della proprietà.
Nella confusione più totale è assordante il silenzio dell'opposizione, forse staranno verificando i documenti??? Noi speriamo, ma i bambini di Brusciano non possono più aspettare!
Caro Sindaco ridiamo il teatro ai bambini non solo le pettorine!
Di Anonimo  (inviato il 07/10/2018 @ 14:00:51)
# 99
Voi.... speriamo che ve la cavate!
Il vice Sindaco Salvati non pervenuto in qualsiasi discussione che riguardi le problematiche della #terranostra...ad eccezione del 27 di ogni mese oh!e'puntuale come un orologio svizzero!
I soldi degli scrutatori quando li diamo???
I soldi dei parcheggi della festa dei gigli
La monnezza per il paese aumenta sempre
Macchine parchegfiate sui marciapiedi
Stese e spari a tutte le ore
Teatro e teatranti con la partecipazione di tutti pazzi per lc!!!
Fascie tricolori nella citta' partenopea non si e' capito il senso!!!
Ridicoli e mendicanti
Questa doveva essere il bere in comune!!!
E allora w mimi ocucuzzo e la sua troupe
Di Anonimo  (inviato il 08/10/2018 @ 15:29:16)
# 100
Cucuzzo? dal bere comune al magnare solitario.
Di luigi  (inviato il 09/10/2018 @ 14:40:19)
# 101
ormai le elezioni a brusciano sono fatte cosi non si pensa più hai cittadini per bene non si pensa al bene del popolo ormai vuoi . mi devi dare o scuor e finito ao e nun scenn,n a cuoll sono capaci di togliere o pane a mane e creature e peppe con la fasce tricolore ride sempre come i cazzi non sono suoi
Di luigi  (inviato il 09/10/2018 @ 19:16:58)
# 102
lo sai sta facenn nu mare e figure e merd come avvocato non rispondi piu nessuno perche lui e il sidaco
Di mario  (inviato il 09/10/2018 @ 20:48:51)
# 103
Viva le associazioni dal solerte e rinato costrutto. Viva gli spifferai della nuova ora, apprezzabili artisti e operatori del sociale e dei media, abili acrobati dell'arte del dimenticare e del facile discredito. E bene, tutti seguaci vassalli alla corte del vincitore di turno. E bene, ognuno nel loro campo, negli anni scorsi hanno alacremente partecipato al banchetto del bene sociale e della cultura con il proporre e organizzare eventi in collaborazione con l'amministrazione di turno. Lor signorie pronte a far passerelle in tv come rappresentanti di Brusciano e ad organizzare eventi, altre di volontariato sociale comodamente accasate per poi spostarsi in piazza giustamente per manifestazioni dagli importanti temi sociali e poi quegli altri sconosciuti da sterili e insignificanti comparse....................... Ma scusate, tutto questo è stato partorito sempre in collaborazione e con il patrocinio del comune, come pare si è potuto evincere dai manifesti ? Allora non pecchiamo di presunzione e di vile prosopopea, ma diamo giusto peso alle parole e soprattutto ai fatti. Allora diciamo pure che l'amministrazione precedente ha dato a tutte le associazioni pari meritocrazia e spazio di azione, sempre pronta a prestare il suo apporto e supporto, attraverso l'elargizione di servizi necessari per la buona riuscita delle tante iniziative realizzate. E ricordate serve trasparenza nel discutere e raccontare fatti e cose. Non servono 'paladini' che vanno dove soffia il vento o meglio dove va la bandiera o ancor più di fantasmi da tastiera........................... Avanti con l'associazionismo.......scusate era solo per precisare.
Di Anonimo  (inviato il 10/10/2018 @ 05:45:33)
# 104
mentre si perdono in spot tra pettorine gialle e marce della pace, Brusciano diventa sempre piu Pulp Fiction! po ve pass!
Di Anonimo  (inviato il 10/10/2018 @ 05:55:55)
# 105
Peppiniello nu dic bugie,ric nu cuofn e fesserie,praticament,è nu...
Di Anonimo  (inviato il 10/10/2018 @ 07:10:28)
# 106
Orto botanico?L'associazione doveva essere ufficializzata il 4 ottobre. Dove sta?
La raccolta fondi doveva iniziare il 6 ottobre. Dove sta?
E' solo un grande bluff o si sta mettendo in atto la solita truffa ai bruscianesi?
Occhi aperti!
Di Anonimo  (inviato il 12/10/2018 @ 08:56:12)
# 107
L’unica truffa al momento accertata ai danni dei Bruscianesi fu la Cooperativa La Rinascita.... tanta gente ancora piange.
Di Anonimo  (inviato il 12/10/2018 @ 08:58:35)
# 108
Li ho conosciuti bene, i comunisti italiani, ho lavorato fianco a fianco con loro e posso garantire, che di serio non hanno mai avuto nulla! Falsi, hanno sempre fatto dell'ipocrisia la loro bandiera, nella massima consapevolezza. Solo la base, quella composta da persone culturalmente carenti era inconsapevole della doppiezza della propria dirigenza. Nelle amministrazioni pubbliche utilizzavano una formula diabolica, prendevano un povero operaio abituato a lavorare dieci ore al giorno alla catena di montaggio o in fonderia, gli compravano uno di quegli orribili vestiti marroni simil Natta, gli facevano indossare un inverecondo maglionciiono a V, come quelli che portava quel vigliacco di Berlinguer, una camicia beige e un'improponibile cravatta, lo facevano sedere in un ufficio comunale da assessore su di una poltrona di similpelle nera o meglio marrone, davanti a due o tre telefoni da tavolo. Davanti alla scrivania veniva istallato un mobile con le ante di vetro che consentivano all'ex metalmeccanico di specchiarsi e vedersi seduto ad una scrivania tronfio e pieno di presunto potere. Nel suo ufficio entravano, bussando e chiedendo permesso funzionari comunali, in genere laureati che erano costretti a servire e chiamare signor assessore, il povero ignorante comunista. Tutte le mattine, puntualmente, squillava uno dei telefoni stile sovietico che si trovavano sulla scrivania dell'ex operaio, era la Federazione che impartiva gli ordini da eseguire in Comune, per rimanere seduto alla scrivania di noce massello più a lungo possibile. Alla sera tornava a casa con la macchina dei vigili urbani guidata da un agente che, in genere era stato un ex (finto) partigiano e godeva del privilegio di dare del Tu al compagno assessore e raccontare all'illuminato amministratore, sulla via di casa, storielle, per lo più inventate con protagonisti partigiani valorosi e fascistoni puniti duramente.Il miracolo era fatto, l'operaio, si era trasformato da lavoratore sfruttato a funzionario di partito, a quest'uomo che tutto doveva al Partito, il partito poteva chiedere qualsiasi cosa e l'avrebbe ottenuta.
Di Anonimo  (inviato il 12/10/2018 @ 12:06:05)
# 109
Azz...siamo fuori da ogni logica partitica...tieni la faccia proprio come il C....O...Da giorni un cocente dibattito impervia sulle pagine e sui gruppi Facebook Bruscianesi legati all'attuale opposizione: l'efficacia avuta dal piano parcheggio durante la Festa dei Gigli.
Premesso che, L'Informatore Bruscianese , vuole essere una pagina esterna a ogni logica politica, la stessa cercherà di fare luce sugli argomenti dibattuti prendendo in considerazione solo notizie che abbiano un qualche fondamento ufficiale. In modo da evitare il diffondersi a macchia d'olio di fake news e tesi sciacalle divulgate per portare "acqua al proprio mulino".
Per cominciare bisogna precisare che la gestione delle zone con sosta a pagamento è stata affidata, per una questione di tempistica (a quanto ci confermano fonti del comune dato l'insediamento solo a luglio della giunta) rispettando i canoni della legge, in modo diretto prendendo in considerazione l'esperienza e la disponibilità delle aziende del settore.
Il piano parcheggio ha mostrarto sicuramente dei punti critici e macchinosi. Però, c'è da dire che prima di questo piano parcheggi c'era il vuoto cosmico perpretrato dalle passate amministrazioni di cui l'opposizione attuale è rappresentazione e voce critica.
In ogni caso fonti, ufficiose, affermano che il piano comprensivo di tutti i costi sia costato circa 8000 euro.
Una nota positiva , il fatto che la maggior parte dei volontari, addetti alla gestione del parcheggio, siano persone di Brusciano" con difficoltà economiche cui è stata data la possibilità di guadagnarsi qualcosa onestamente e in modo dignitoso aiutando la comunità di cui fanno parte. Inoltre a tal proposito l'Informatore Bruscianese vuole comunicare che i tempi di pagamento sono quelli determinati dalla legge e non decisi dal singolo Comune.
Per quanto riguarda le entrate, invece, la sosta a pagamento ha determinato un introito di circa 9000 euro, quindi con un BILANCIO POSITIVO di circa 1000 euro.
Le domande lecite a questo punto sono:
perché tutto quet'astio, da parte di alcuni ,nei confronti di un'iniziativa, sicuramente da migliorare, ma che ha garantito alla popolazione la scomparsa quasi totale dell'abusivismo e comunque un introito che non arricchisce ma neanche impoverisce il comune? Perché si condanna qualcosa che ha permesso di sottrarre più di 9000euro(visto che l'anno scorso i parcheggiatori abusivi chiedevoni fino a 5 euro a fronte dei 3euro dei parchimetri) all'abusivismo e quindi alla camorra?
Immaginate se questi soldi fossero entrati nelle tasche della camorra e utilizzati per comprare armi, gemelle di quelle che quasi quotidianamente sono utilizzate per inquietare la vita quotidiana dell'intera cittadinanza.
Forse questo piano parcheggio ha dato fastidio a qualche "vecchia volpe della politica bruscianese" che sugli abusivi ci lucrava chiudendo un occhio e lasciando che il paese fosse gestito in quel settore dalla criminalità e dal malaffare?
Ai Bruscianesi l'ardua sentenza!!!
#Brusciano #linformatorebruscianesep
Di Anonimo  (inviato il 12/10/2018 @ 14:22:00)
# 110
108 - la teoria dello stru....mptruppen colpito dalla botta di sole autunnale.
Di luigi  (inviato il 12/10/2018 @ 14:39:01)
# 111
109 - il partigiano e Peppeniello, fuori da ogni logica politica ahahahahah un barzelletto pe chiagnere.
Di luigi  (inviato il 12/10/2018 @ 14:41:03)
# 112
"Bisogna aver il Caos in seno per partorire una stella danzante"

"Non sono un uomo, io sono dinamite ! "

"Bisogna morire molte volte quando si è ancora in vita per guadagnarsi l'immortalità ! "
Di Anonimo  (inviato il 15/10/2018 @ 13:38:10)
# 113
Li ho conosciuti bene, i comunisti italiani, ho lavorato fianco a fianco con loro e posso garantire, che di serio non hanno mai avuto nulla! Falsi, hanno sempre fatto dell'ipocrisia la loro bandiera, nella massima consapevolezza. Solo la base, quella composta da persone culturalmente carenti era inconsapevole della doppiezza della propria dirigenza. Nelle amministrazioni pubbliche utilizzavano una formula diabolica, prendevano un povero operaio abituato a lavorare dieci ore al giorno alla catena di montaggio o in fonderia, gli compravano uno di quegli orribili vestiti marroni simil Natta, gli facevano indossare un inverecondo maglionciiono a V, come quelli che portava quel vigliacco di Berlinguer, una camicia beige e un'improponibile cravatta, lo facevano sedere in un ufficio comunale da assessore su di una poltrona di similpelle nera o meglio marrone, davanti a due o tre telefoni da tavolo. Davanti alla scrivania veniva istallato un mobile con le ante di vetro che consentivano all'ex metalmeccanico di specchiarsi e vedersi seduto ad una scrivania tronfio e pieno di presunto potere. Nel suo ufficio entravano, bussando e chiedendo permesso funzionari comunali, in genere laureati che erano costretti a servire e chiamare signor assessore, il povero ignorante comunista. Tutte le mattine, puntualmente, squillava uno dei telefoni stile sovietico che si trovavano sulla scrivania dell'ex operaio, era la Federazione che impartiva gli ordini da eseguire in Comune, per rimanere seduto alla scrivania di noce massello più a lungo possibile. Alla sera tornava a casa con la macchina dei vigili urbani guidata da un agente che, in genere era stato un ex (finto) partigiano e godeva del privilegio di dare del Tu al compagno assessore e raccontare all'illuminato amministratore, sulla via di casa, storielle, per lo più inventate con protagonisti partigiani valorosi e fascistoni puniti duramente.Il miracolo era fatto, l'operaio, si era trasformato da lavoratore sfruttato a funzionario di partito, a quest'uomo che tutto doveva al Partito, il partito poteva chiedere qualsiasi cosa e l'avrebbe ottenuta.
Di Anonimo  (inviato il 17/10/2018 @ 10:31:56)
# 114
Craxi Vive...doveva essere al posto di questa melma clerico-comunista. Solo cosi ha un significato dedicargli una vie nelle nostre citta'. Un uomo della liberta' non muore mai come matteotti buozzi turati e i fratelli rosselli. Mica parliamo della barbarie come definiva turati i comunisti..
Di Anonimo  (inviato il 17/10/2018 @ 10:46:31)
# 115
La ricetta dei fascismi:
1. Promettere ad un popolo in difficoltà che ritornerà grande
2. Inventare un nemico
3. Stroncare ogni opposizione
Di Anonimo  (inviato il 27/10/2018 @ 06:47:56)
# 116
Caro Antonio!! Dove C'è il compromesso vi è sempre stata la disuguaglianza, nel popolo sovrano...il menefreghismo và condannato, questo è certo, ma devo dire, oggi, è parte integrante della POLITICA PER BERE DICO BERE perché questi signorotti di queste quattro cinque famiglie che puntualmente sono eletti con i loro capi bastoni deficienti e immorali, sono corsi da il Montanile formando una grossa accozzaglia per avere una vittoria certa e per sé stessi. In tempi non sospetti, mi pronunciati subito sul social per evidenziare che la politica perbene, non era perbene ma, per Bere e, Brusciano e i bruscianesi, avevano perso il tram non eleggendo un uomo delle istituzioni, il Giudice è Presidente di sorveglianza, l'illustrissimo Carminantonio Esposito....adesso questo meritiamo per le sciocche e beghevoli scelte che si fanno....... va certamente, bene così perché, il voto deve essere rispettato, anche se a malincuore.....viva la brusciano onesta.
Di Giusy  (inviato il 31/10/2018 @ 08:10:33)
# 117
Per il Bere in COMUNE!

a che punto sono le Sanzioni per il giglio amico del Sindaco???
E la riduzione della tassa sui rifiuti a che punto stà ????
La viabilità cittadina??? vedi i maciapiedi, vedi fuori al bar Modè ,via in via Padula???
E il chiasso in tutte le ore del giorno e notte di alcuni gruppi di ragazzi adolescenti???
I soldi per gli scrutatori???
I soldi per i parcheggi della festa dei gigli????
un V.Sindaco presente solo a fine mese, poi sempre assente sulle problematiche cittadine!!!
Consiglieri Comunali della maggioranza completamente estranei al paese...ad eccezione di qualche orizzonte...
della rondine è inutile che ne parliamo, poichè non può proprio parlare ....
che dire siete solo dei poveracci di IDEE,
ma dei dei ricchi di cattiveria.
Pensate a fare solo dichiarazioni ma contenuti niente...manifestazioni politiche e sociali supportate dalla chiesa !!!!
VEROGNA!!!VERGOGNA!!!

Vogliamo una Brusciano libera!!!e una Amministrazione MENO ARROGANTE e più LUCIDA!
Di Anonimo  (inviato il 31/10/2018 @ 16:08:54)
# 118
per bere? ma se c'e' gia' qualcuno di minoranza che è pronto ad abbeverarsi alla fontanella della maggioranza..... come si dice nel nostro paesello, storia era e storia sara'...
Di antonio  (inviato il 31/10/2018 @ 23:37:18)
# 119
capi bastoni deficienti e immorali? che però se avessero scelto di stare col giudice, visto che sono stati corteggiati fino all'ultimo, per magia diventano intelligenti, onesti e incorruttibili??? ma fammi il piacere...
Di nicola  (inviato il 01/11/2018 @ 01:46:09)
# 120
dimmi con chi te la fai e ti dirò chi sei peppino e stato 2 anni a fianco di giosino ho detto tutto
Di luigi  (inviato il 01/11/2018 @ 09:13:27)
# 121

In una manifestazione cosi importante, dove il tema della lotta alla criminalità imponeva l'unità di intenti, Peppe Montanile ha sminuito, indegnamente, le competenze della Minoranza di governo, con i suoi concetti confusi, sgrammaticati e senza senso.
Tutto ciò a noi non è nuovo! Le sue false aperture di confronto hanno trovato ancora conferma.
Il suo egocentrismo oramai è palese a tutti i cittadini, ed oggi abbiamo avuto la sensazione che nemmeno i suoi adepti più fedeli hanno apprezzato l'intervento.
L'abbiamo intuito dal primo giorno del suo insediamento....
Di Anonimo  (inviato il 01/11/2018 @ 16:17:31)
# 122
Dimissioni da cosa? Da oboli percepiti senza alcun contributo? Padre docet..Ma mi faccia il piacere!!!
Non è passato neppur così tanto dalle richiesta di vostre dimissioni x assenteismo e che non poteva svolgere il suo mandato in questo modo.
L'unica cosa che non comprendiamo e un passaggio che Lei fa nella lettera di dimissioni: �"...in un'epoca in cui la politica sta diventando l'occupazione di chi vuole arricchirsi senza merito e senza lavorare..." precisamente a chi si riferisce? a persone a lei vicine? qualche componente della sua coalizione? sarebbe giusto fare un chiarimento per non alimentare sospetti e dicerie.
Di Anonimo  (inviato il 02/11/2018 @ 05:04:20)
# 123
Fare nomi? Non si può, è un fatto strettamente personale.
Di luigi  (inviato il 02/11/2018 @ 09:49:49)
# 124
Adda passa o munnezzaro,per portarsi via a munnez cu tutt o munnzzar!!
Di Anonimo  (inviato il 02/11/2018 @ 14:19:18)
# 125
INcapaci, INaccettabili, INdifendibili.
Dopo mesi di solleciti e di reclami ai doveri democratici, al fine di far esercitare il proprio mandato elettorale, affidatogli dai cittadini di Brusciano, finalmente si riesce a convocare il consiglio comunale per il 30 ottobre, ma è tutto inutile; la disarmante incapacità amministrativa, costringe il presidente del consiglio a rinviare la seduta di consiglio comunale, perché la maggioranza non riesce nemmeno a rientrare nell’ordinario di una semplice convocazione di un consiglio.
Il Sindaco invece di preoccuparsi che tutti i consiglieri siano stati convocati, si preoccupa di inviare i propri segugi a controllare che il pubblico presente non faccia riprese abusive, è inaccettabile!
Sindaco se proprio ha il dubbio che qualche persona davvero PERBENE possa violare la sua privacy, la prossima volta, incarichi un vigile presente in aula al controllo della sua incolumità e non i suoi segugi che, in realtà, continuano ad esercitare il ruolo di pecorelle! Visto il momento di follia non ci stupirebbe che al consiglio di domani mattina, al fianco del Sindaco, siederebbe il suo cavallo! (Caligola docet).
Di Anonimo  (inviato il 02/11/2018 @ 18:20:16)
# 126
Strumentalizzazione: una parola che in queste ore risuona per le strade, sui social e scuote la politica bruscianese. È stata particolarmente utilizzata dalla maggioranza, ma noi entreremo nel merito. Il 30 ottobre era previsto il consiglio comunale con un corposo ordine del giorno, tra cui variazioni di bilancio e il pagamento per gli scrutatori. Pagamento che non è stato possibile poiché l'amministrazione Giosy Romano non aveva previsto un'eventuale ballottaggio e che ha destato molti grattacapi alla neoamministrazione, dovuti soprattutto a, ripetiamo, strumentalizzazioni dell' opposizione. Questo ha specificato il sindaco Montanile, un duro attacco alle opposizioni e alla organizzazioni criminali, integrato al resoconto di ciò che effettivamente ha fatto in questi mesi. Rabbiosa è stata la risposta del candidato sindaco Esposito, l'ha presa un po' sul personale ed ha risposto a tono. L' informatore, furbo e attento osservatore, si è posto una domanda sperando lo abbiano fatto anche i cittadini: se il consiglio comunale è stato sospeso perché non era stato notificato l'invito alla consigliera di minoranza Frattini per un errore di un dipendente comunale, perché oggi in consiglio mancavano i consiglieri Marotta e Ciccone, mentre la stessa Frattini e Romano si sono allontanati prima? Semplice:l'unico interesse era di ostacolare e mostrare i denti alla maggioranza ai danni dei cittadini. E si è visto anche perché l'argomento bollente "episodio festa dei gigli" è stato ripreso ampiamente discusso. Ne è scaturito un dibattito con toni accesi che ha spaziato in più tematiche. Sono intervenuti anche l'assessore Casalvieri, che ha corretto un' inesattezza tecnica dell'ex giudice, i consiglieri Onofrietto e Sposito Pina. Assente Castaldo PD.
Di Anonimo  (inviato il 03/11/2018 @ 20:02:21)
# 127
Cons.G.Romano.....IL SAPERE E LA RAGIONE PARLANO; L’IGNORANZA ED IL TORTO URLANO!
Questa mattina alle ore 9,30 eravamo tra i nostri banchi del consiglio comunale per iniziare i lavori consiliari!
Dopo quasi un’ora (60 minuti) di ritardo sono iniziati i lavori con l’assenza del Sindaco Montanile, il quale è entrato in aula con ulteriori 15 minuti di ritardo!
Ho dovuto lasciare i lavori alle ore 12,15 per raggiungere Sabaudia in prov. di Latina, in tempo per festeggiare insieme ai miei parenti i 40 anni di mia sorella!
Il sindaco ha concentrato il suo ripetitivo e demagogico intervento puntando il dito esclusivamente contro la precedente amministrazione di Giosy Romano, al quale va tutta la mia solidarietà e vicinanza per non
Essere stato in grado di poter replicare!
Mi sarebbe piaciuto chiedere a qualche consigliere comunale di maggioranza cosa avesse provato quando il neo Sindaco Montanile attaccava il suo predecessore, della cui maggioranza loro stessi ne avevano fatto parte integrante o da fiancheggiatori esterni! Imbarazzante il lessico, contorto e per molti versi illogico, fatto di dietrologia e tragicamente incoerente!
Avrei voluto chiede al Neo Sindaco quante volte dal 2013 al 2016 è stato alla corte di Giosy Romano, magari anche a cena, per incarichi (ente festa) e prebende (incarichi diretti ed indiretti presso comuni amici di Giosy); avrei voluto chiedere allo stesso neo sindaco, se e quando intendesse smetterla con questa storiaccia “ la vecchia amministrazione ha fatto questo ha fatto quello” quando, secondo me, il più grande errore commesso da Giosy Romano è stato affidare proprio a Montanile la guida dell’Ente Festa, dando inizio,così, alla parabola discendente della nostra amata festa dei gigli! Il sindaco ancora non riesce a comprendere il perché abbiamo chiesto il rinvio del consiglio comunale del 30 ottobre! Come è possibile?! Si è lamentato di aver dovuto spendere 700€ in più per L’impianto di amplificazione dell’aula consiliare quando ne avrebbe dovuto spendere qualche migliaio se avessimo approvato in consiglio le delibere con un difetto di notifica che aveva determinato l’assenza della collega Frattini!
Ma ovviamente, colpito nel proprio orgoglio, ha reiterato la stessa stancante litania! Onestamente basta! A lavar la testa all’asino si perde acqua e sapone ! Noi siamo stanchi, diciamo no a tutti questo! Diciamo basta alle mortificazioni! Smetteremo i panni dei signori, ed in consiglio comunale incominceremo a raccontare, al di là dei punti all’ordine del giorno, quanto di inconsistente e meschino sia il “capo” di questa maggioranza sempre più mortificata nei numeri e nella reale rappresentanza!

Di Anonimo  (inviato il 03/11/2018 @ 20:05:06)
# 128
Buongiorno Cittadino perbene hai fatto una giusta considerazione ma non solo quelli eletti ci sono altri ex consiglieri di Giosy Romano non eletti allora è inutile scaricare tutte le colpe a Giosy Romano il nuovo sindaco può chiedere spiegazione a tutti quelli che facevano parte dell’amministrazione Giosy Romano così viene aggiornato. Noi non riusciamo a capire il perché in ogni occasione viene sempre citato Giosy Romano quanto tranquillamente tanti ex giosiniani fanno parte della nuova amministrazione vuol dire che il nuovo sindaco offende anche loro e questi come rispondono???
Di Anonimo  (inviato il 04/11/2018 @ 12:40:29)
# 129
Per la serie, prima mangio nella tua mano e poi ci sputo.
Di luigi  (inviato il 04/11/2018 @ 14:40:53)
# 130
peppiniello ti ricordi tu . giosi don salvatore e tutti i scagnuozzi di giosi a mangiare crostaci e zuppe di cozze adesso chiudo il cesso
Di luigi  (inviato il 04/11/2018 @ 20:36:16)
# 131
Che strano, proprio da Pomigliano? Chisà perchè?

DETERMINA
1. DI AFFIDARE, per le motivazioni esposte in premessa e che si intendono qui richiamate,
l’incarico professionale per “SERVIZI TECNICI PER LA VERIFICA PREVENTIVA DEL
PROGETTO ESECUTIVO DEI LAVORI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI
EDIFICI RESIDENZIALI IN AMBITO L.219/81” alla Società d’Ingegneria PROGEDI SRL - P.
IVA 05809251217 – con sede in Pomigliano d’Arco 80038 (NA), Via San Pietro, n.161 in
possesso della Certificazione per la Qualità UNI EN ISO 9001;


,
Di aldo  (inviato il 06/11/2018 @ 18:59:09)
# 132
Per il Bere in Comune!
L'amministrazione del nulla!
Per la serie ma veramente pensavate che questi quattro cialtroni, nullafacenti e voltagabbana pensassero a migliorare il nostro paese!
questi poveracci senza gloria pensavano di trovare terreno fertile...invece hanno trovato una opposizione seria ed attenta a tutto! mica quella della scorsa amministrazione che non è servita a nulla!
Grazie a loro gli scrutatori sono stati pagati ...opposizione continuamente attenta, ora vogliamo saper a che punto sono le sanzioni al giglio amico??? e il Presidente ente festa cosa fa?????
Ci dite un po' che fine hanno fatto i soldi dei parkimetri installati durante la festa dei gigli!
Vogliamo parlare delle scuole...manca carta igienica...fogli per fotocopie...e toner nelle stampanti...
Topi e immondizia sempre presente per le strade del nostro paese vi ricordate durante il ballottaggio il Sindaco....che URLA nei comizi strazianti e sconnessi cosa diceva CHE IL PAESE DOVEVA ESSERE PULITO ED OGNUNO DOVEVA FARE IL PROPRIO DOVERE????
Per non parlare della riduzione della tassa della spazzatura che era troppo gravosa per i Bruscianesi.... noi aspettiamo la riduzione!
Degli schiamazzi notturni fuori controllo per le vie del nostro paese e sulla piazza undici settembre ed all' incrocio di via Cimitero!
Degli spari poi non ne parliamo proprio!
Consiglieri ed amministratori senza spina dorsale e dignità propria che applaudono il sindaco che afferma che la amministrazione precedente era il NULLA!
Che Vergogna, cinque Consiglieri più altri incaricati della vecchia amministrazione applaudono il LORO NULLA_!
PROBABILMENTE NON SANNO E CAPISCONO che il Sindaco intendeva offendere Loro....poiché sono gli unici superstiti della vecchia amministrazione... cosa fanno e cosa dicono in questioni serie come queste?
Siamo arrivati a metà novembre senza che avete fatto qualcosa di utile per Brusciano.
Dichiarazioni sui giornali e fasce tricolori quante ne volete!
nulla SOLO nulla!
La politica delle chiacchiere!
Di Anonimo  (inviato il 09/11/2018 @ 10:25:44)
# 133
a Roma sai come dicono a ragazzii fai troppe chiacchiere
Di luigi  (inviato il 09/11/2018 @ 18:19:59)
# 134
COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Articolo 111
La giurisdizione si attua mediante il giusto processo regolato dalla legge.
Ogni processo si svolge nel contraddittorio tra le parti, in condizioni di parità, davanti a giudice terzo e imparziale. La legge ne assicura la ragionevole durata.

La costituzione stabilisce che ogni cittadino ha diritto che, un eventuale proceso a suo carico, abbia una durata ragionevole.

In ottemperanza a tale sacrosanto principio il codice penale all'art. 158 stabilisce i termini di prescrizione.

Tutte le legislazioni dei paesi occidentali civili sanciscono il diritto del cittadino ad un processo che si svolga in un tempo ragionevole.

Un oscuro civilista esercente l'attività forense in Firenze, tale Alfonso Bonafede da Mazzara del Vallo, miracolosamente elevato da Beppe Grillo all'altare di Ministro della Giustizia, in barba a tale inderogabile e civilissimo principio, propone, insieme ai suoi sciagurati amici del movimento politico cinque stelle, di introdurre in Italia una norma che preveda, una volta esperito il giudizio di primo grado, che il processo non sia più soggetto a termini di prescrizione.

In pratica un cittadino assolto in primo grado potrà essere ancora sottoposto a giudizio per un periodo indefinito, praticamente fino alla sua morte.

I pentastellati, brillantemente, hanno trovato il modo di risolvere i problemi della lentezza della giustizia italiana, non migliorando e snellendo le procedure e il sistema burocratico, ma udite, udite, consentendo all'apparato giudiziario di tenere in scacco per tutta la vita un eventuale imputato, anche se giudicato innocente in primo grado.

Alla faccia dei diritti dei cittadini, del popolo!

L'operazione è vergognosamente populista e può convincere solo degli ignoranti creduloni. E', vergognoso che un Ministro della Repubblica possa proporre un tale scempio al diritto.

Questo è il meglio di quello che ci sanno proporre i sodali di Grillo e Casalegno, questo è il bruttisimo, vergognoso, nuovo che avanza.

Torni, Alfonso Bonafede, al più presto, ad occuparsi a tempo pieno delle cause condominiali e delle liti di pollaio, nel suo studio fiorentino di giureconsulto.
Lasci ad altri il ruolo di guardasigilli, a persone serie e competenti rispettose dei principi fondamentali dei diritti del cittadino.
Di Anonimo  (inviato il 10/11/2018 @ 07:25:41)
# 135
Il sociologo Charles Derber descrive la tendenza ad inserire se stessi in una conversazione come "narcisismo conversazionale." Si tratta del desiderio d'impadronirsi di una conversazione, di parlare più dell'altro e di spostare il focus dello scambio su stessi. Spesso è sottile e inconscio. Derber scrive che il narcisismo conversazionale è "la manifestazione principale della psicologia di chi ricerca attenzioni". Avviene nelle conversazioni informali tra amici, parenti e colleghi. L'abbondanza di letteratura popolare sull'ascolto e sul galateo da riservare a chi parla costantemente di se stesso lascia intendere quanto ciò sia diffuso nella vita di tutti i giorni". Derber descrive due tipologie di risposta nelle conversazioni: una risposta deviante e una risposta di supporto. Con la prima si sposta l'attenzione verso se stessi, mentre la seconda supporta le osservazioni dell'altra persona.
Di Anonimo  (inviato il 13/11/2018 @ 17:07:02)
# 136
Italia, potenza scomoda: dovevamo morire, ecco comeSalvatore ClementeMay 28, 2017

Nino Galloni

da libreidee.org


Il primo colpo storico contro l’Italia lo mette a segno Carlo Azeglio Ciampi, futuro presidente della Repubblica, incalzato dall’allora ministro Beniamino Andreatta, maestro di Enrico Letta e “nonno” della Grande Privatizzazione che ha smantellato l’industria statale italiana, temutissima da Germania e Francia. E’ il 1981: Andreatta propone di sganciare la Banca d’Italia dal Tesoro, e Ciampi esegue. Obiettivo: impedire alla banca centrale di continuare a finanziare lo Stato, come fanno le altre banche centrali sovrane del mondo, a cominciare da quella inglese. Il secondo colpo, quello del ko, arriva otto anni dopo, quando crolla il Muro di Berlino. La Germania si gioca la riunificazione, a spese della sopravvivenza dell’Italia come potenza industriale: ricattati dai francesi, per riconquistare l’Est i tedeschi accettano di rinunciare al marco e aderire all’euro, a patto che il nuovo assetto europeo elimini dalla scena il loro concorrente più pericoloso: noi. A Roma non mancano complici: pur di togliere il potere sovrano dalle mani della “casta” corrotta della Prima Repubblica, c’è chi è pronto a sacrificare l’Italia all’Europa “tedesca”, naturalmente all’insaputa degli italiani.

E’ la drammatica ricostruzione che Nino Galloni, già docente universitario, manager pubblico e alto dirigente di Stato, fornisce a Claudio Messora per il blog “Byoblu”. All’epoca, nel fatidico 1989, Galloni era consulente del governo su invito dell’eterno Giulio Andreotti, il primo statista europeo che ebbe la prontezza di affermare di temere la riunificazione tedesca. Non era “provincialismo storico”: Andreotti era al corrente del piano contro l’Italia e tentò di opporvisi, fin che potè. Poi a Roma arrivò una telefonata del cancelliere Helmut Kohl, che si lamentò col ministro Guido Carli: qualcuno “remava contro” il piano franco-tedesco. Galloni si era appena scontrato con Mario Monti alla Bocconi e il suo gruppo aveva ricevuto pressioni da Bankitalia, dalla Fondazione Agnelli e da Confindustria. La telefonata di Kohl fu decisiva per indurre il governo a metterlo fuori gioco. 

Nino Galloni

«Ottenni dal ministro la verità», racconta l’ex super-consulente, ridottosi a comunicare con l’aiuto di pezzi di carta perché il ministro «temeva ci fossero dei microfoni». Sul “pizzino”, scrisse la domanda decisiva: “Ci sono state pressioni anche dalla Germania sul ministro Carli perché io smetta di fare quello che stiamo facendo?”. Eccome: «Lui mi fece di sì con la testa».

Andreotti

Questa, riassume Galloni, è l’origine della “inspiegabile” tragedia nazionale nella quale stiamo sprofondando. I super-poteri egemonici, prima atlantici e poi europei, hanno sempre temuto l’Italia. Lo dimostrano due episodi chiave. Il primo è l’omicidio di Enrico Mattei, stratega del boom industriale italiano grazie alla leva energetica propiziata dalla sua politica filo-araba, in competizione con le “Sette Sorelle”. E il secondo è l’eliminazione di Aldo Moro, l’uomo del compromesso storico col Pci di Berlinguer assassinato dalle “seconde Br”: non più l’organizzazione eversiva fondata da Renato Curcio ma le Br di Mario Moretti, «fortemente collegate con i servizi, con deviazioni dei servizi, con i servizi americani e israeliani». Il leader della Dc era nel mirino di killer molto più potenti dei neo-brigatisti: «Kissinger gliel’aveva giurata, aveva minacciato Moro di morte poco tempo prima». Tragico preambolo, la strana uccisione di Pier Paolo Pasolini, che nel romanzo “Petrolio” aveva denunciato i mandanti dell’omicidio Mattei, a lungo presentato come incidente aereo. Recenti inchieste collegano alla morte del fondatore dell’Eni quella del giornalista siciliano Mauro De Mauro. Probabilmente, De Mauro aveva scoperto una pista “francese”: agenti dell’ex Oas inquadrati dalla Cia nell’organizzazione terroristica “Stay Behind” (in Italia, “Gladio”) avrebbero sabotato l’aereo di Mattei con l’aiuto di manovalanza mafiosa. Poi, su tutto, a congelare la democrazia italiana avrebbe provveduto la strategia della tensione, quella delle stragi nelle piazze.

Ciampi

Alla fine degli anni ‘80, la vera partita dietro le quinte è la liquidazione definitiva dell’Italia come competitor strategico: Ciampi, Andreatta e De Mita, secondo Galloni, lavorano per cedere la sovranità nazionale pur di sottrarre potere alla classe politica più corrotta d’Europa. Col divorzio tra Bankitalia e Tesoro, per la prima volta il paese è in crisi finanziaria: prima, infatti, era la Banca d’Italia a fare da “prestatrice di ultima istanza” comprando titoli di Stato e, di fatto, emettendo moneta destinata all’investimento pubblico. Chiuso il rubinetto della lira, la situazione precipita: con l’impennarsi degli interessi (da pagare a quel punto ai nuovi “investitori” privati) il debito pubblico esploderà fino a superare il Pil. Non è un “problema”, ma esattamente l’obiettivo voluto: mettere in crisi lo Stato, disabilitando la sua funzione strategica di spesa pubblica a costo zero per i cittadini, a favore dell’industria e dell’occupazione. Degli investimenti pubblici da colpire, «la componente più importante era sicuramente quella riguardante le partecipazioni statali, l’energia e i trasporti, dove l’Italia stava primeggiando a livello mondiale».

Al piano anti-italiano partecipa anche la grande industria privata, a partire dalla Fiat, che di colpo smette di investire nella produzione e preferisce comprare titoli di Stato: da quando la Banca d’Italia non li acquista più, i tassi sono saliti e la finanza pubblica si trasforma in un ghiottissimo business privato. L’industria passa in secondo piano e – da lì in poi – dovrà costare il meno possibile. «In quegli anni la Confindustria era solo presa dall’idea di introdurre forme di flessibilizzazione sempre più forti, che poi avrebbero prodotto la precarizzazione». Aumentare i profitti: «Una visione poco profonda di quello che è lo sviluppo industriale». Risultato: «Perdita di valore delle imprese, perché le imprese acquistano valore se hanno prospettive di profitto». Dati che parlano da soli. E spiegano tutto: «Negli anni ’80 – racconta Galloni – feci una ricerca che dimostrava che i 50 gruppi più importanti pubblici e i 50 gruppi più importanti privati facevano la stessa politica, cioè investivano la metà dei loro profitti non in attività produttive ma nell’acquisto di titoli di Stato, per la semplice ragione che i titoli di Stato italiani rendevano tantissimo e quindi si guadagnava di più facendo investimenti finanziari invece che facendo investimenti produttivi. Questo è stato l’inizio della nostra deindustrializzazione».

Agnelli

Alla caduta del Muro, il potenziale italiano è già duramente compromesso dal sabotaggio della finanza pubblica, ma non tutto è perduto: il nostro paese – “promosso” nel club del G7 – era ancora in una posizione di dominio nel panorama manifatturiero internazionale. Eravamo ancora «qualcosa di grosso dal punto di vista industriale e manifatturiero», ricorda Galloni: «Bastavano alcuni interventi, bisognava riprendere degli investimenti pubblici». E invece, si corre nella direzione opposta: con le grandi privatizzazioni strategiche, negli anni ’90 «quasi scompare la nostra industria a partecipazione statale», il “motore” di sviluppo tanto temuto da tedeschi e francesi. Deindustrializzazione: «Significa che non si fanno più politiche industriali». Galloni cita Pierluigi Bersani: quando era ministro dell’industria «teorizzò che le strategie industriali non servivano». Si avvicinava la fine dell’Iri, gestita da Prodi in collaborazione col solito Andreatta e Giuliano Amato. Lo smembramento di un colosso mondiale: Finsider-Ilva, Finmeccanica, Fincantieri, Italstat, Stet e Telecom, Alfa Romeo, Alitalia, Sme (alimentare), nonché la Banca Commerciale Italiana, il Banco di Roma, il Credito Italiano.

Andreatta

Le banche, altro passaggio decisivo: con la fine del “Glass-Steagall Act” nasce la “banca universale”, cioè si consente alle banche di occuparsi di meno del credito all’economia reale, e le si autorizza a concentrarsi sulle attività finanziarie speculative. Denaro ricavato da denaro, con scommesse a rischio sulla perdita. E’ il preludio al disastro planetario di oggi. In confronto, dice Galloni, i debiti pubblici sono bruscolini: nel caso delle perdite delle banche stiamo parlando di tre-quattromila trilioni. Un trilione sono mille miliardi: «Grandezze stratosferiche», pari a 6 volte il Pil mondiale. «Sono cose spaventose». La frana è cominciata nel 2001, con il crollo della new-economy digitale e la fuga della finanza che l’aveva sostenuta, puntando sul boom dell’e-commerce. Per sostenere gli investitori, le banche allora si tuffano nel mercato-truffa dei derivati: raccolgono denaro per garantire i rendimenti, ma senza copertura per gli ultimi sottoscrittori della “catena di Sant’Antonio”, tenuti buoni con la storiella della “fiducia” nell’imminente “ripresa”, sempre data per certa, ogni tre mesi, da «centri studi, economisti, osservatori, studiosi e ricercatori, tutti sui loro libri paga».

Quindi, aggiunge Galloni, siamo andati avanti per anni con queste operazioni di derivazione e con l’emissione di altri titoli tossici. Finché nel 2007 si è scoperto che il sistema bancario era saltato: nessuna banca prestava liquidità all’altra, sapendo che l’altra faceva le stesse cose, cioè speculazioni in perdita. Per la prima volta, spiega Galloni, la massa dei valori persi dalle banche sui mercati finanziari superava la somma che l’economia reale – famiglie e imprese, più la stessa mafia – riusciva ad immettere nel sistema bancario. «Di qui la crisi di liquidità, che deriva da questo: le perdite superavano i depositi e i conti correnti». Come sappiamo, la falla è stata provvisoriamente tamponata dalla Fed, che dal 2008 al 2011 ha trasferito nelle banche – americane ed europee – qualcosa come 17.000 miliardi di dollari, cioè «più del Pil americano e più di tutto il debito pubblico americano».

Draghi

Va nella stessa direzione – liquidità per le sole banche, non per gli Stati – il “quantitative easing” della BCE di Draghi, che ovviamente non risolve la crisi economica perché «chi è ai vertici delle banche, e lo abbiamo visto anche al Monte dei Paschi, guadagna sulle perdite». Il profitto non deriva dalle performance economiche, come sarebbe logico, ma dal numero delle operazioni finanziarie speculative: «Questa gente si porta a casa i 50, i 60 milioni di dollari e di euro, scompare nei paradisi fiscali e poi le banche possono andare a ramengo». Non falliscono solo perché poi le banche centrali, controllate dalle stesse banche-canaglia, le riforniscono di nuova liquidità. A monte: a soffrire è l’intero sistema-Italia, da quando – nel lontano 1981 – la finanza pubblica è stata “disabilitata” col divorzio tra Tesoro e Bankitalia. Un percorso suicida, completato in modo disastroso dalla tragedia finale dell’ingresso nell’Eurozona, che toglie allo Stato la moneta ma anche il potere sovrano della spesa pubblica, attraverso dispositivi come il Fiscal Compact e il pareggio di bilancio.

Per l’Europa “lacrime e sangue”, il risanamento dei conti pubblici viene prima dello sviluppo. «Questa strada si sa che è impossibile, perché tu non puoi fare il pareggio di bilancio o perseguire obiettivi ancora più ambiziosi se non c’è la ripresa». E in piena recessione, ridurre la spesa pubblica significa solo arrivare alla depressione irreversibile. Vie d’uscita? Archiviare subito gli specialisti del disastro – da Angela Merkel a Mario Monti – ribaltando la politica europea: bisogna tornare alla sovranità monetaria, dice Galloni, e cancellare il debito pubblico come problema. Basta puntare sulla ricchezza nazionale, che vale 10 volte il Pil. Non è vero che non riusciremmo a ripagarlo, il debito. Il problema è che il debito, semplicemente, non va ripagato: «L’importante è ridurre i tassi di interesse», che devono essere «più bassi dei tassi di crescita». A quel punto, il debito non è più un problema: «Questo è il modo sano di affrontare il tema del debito pubblico». A meno che, ovviamente, non si proceda come in Grecia, dove «per 300 miseri miliardi di euro» se ne sono persi 3.000 nelle Borse europee, gettando sul lastrico il popolo greco.

Merkel e Monti

Domanda: «Questa gente si rende conto che agisce non solo contro la Grecia ma anche contro gli altri popoli e paesi europei? Chi comanda effettivamente in questa Europa se ne rende conto?». Oppure, conclude Galloni, vogliono davvero «raggiungere una sorta di asservimento dei popoli, di perdita ulteriore di sovranità degli Stati» per obiettivi inconfessabili, come avvenuto in Italia: privatizzazioni a prezzi stracciati, depredazione del patrimonio nazionale, conquista di guadagni senza lavoro. Un piano criminale: il grande complotto dell’élite mondiale. «Bilderberg, Britannia, il Gruppo dei 30, dei 10, gli “Illuminati di Baviera”: sono tutte cose vere», ammette l’ex consulente di Andreotti. «Gente che si riunisce, come certi club massonici, e decide delle cose». Ma il problema vero è che «non trovano resistenza da parte degli Stati». L’obiettivo è sempre lo stesso: «Togliere di mezzo gli Stati nazionali allo scopo di poter aumentare il potere di tutto ciò che è sovranazionale, multinazionale e internazionale». Gli Stati sono stati indeboliti e poi addirittura infiltrati, con la penetrazione nei governi da parte dei super-lobbysti, dal Bilderberg agli “Illuminati”. «Negli Usa c’era la “Confraternita dei Teschi”, di cui facevano parte i Bush, padre e figlio, che sono diventati presidenti degli Stati Uniti: è chiaro che, dopo, questa gente risponde a questi gruppi che li hanno agevolati nella loro ascesa».

Non abbiamo amici. L’America avrebbe inutilmente cercato nell’Italia una sponda forte dopo la caduta del Muro, prima di dare via libera (con Clinton) allo strapotere di Wall Street. Dall’omicidio di Kennedy, secondo Galloni, gli Usa «sono sempre più risultati preda dei britannici», che hanno interesse «ad aumentare i conflitti, il disordine», mentre la componente “ambientalista”, più vicina alla Corona, punta «a una riduzione drastica della popolazione del pianeta» e quindi ostacola lo sviluppo, di cui l’Italia è stata una straordinaria protagonista. L’odiata Germania? Non diventerà mai leader, aggiunge Galloni, se non accetterà di importare più di quanto esporta. Unico futuro possibile: la Cina, ora che Pechino ha ribaltato il suo orizzonte, preferendo il mercato interno a quello dell’export. L’Italia potrebbe cedere ai cinesi interi settori della propria manifattura, puntando ad affermare il made in Italy d’eccellenza in quel mercato, 60 volte più grande. Armi strategiche potenziali: il settore della green economy e quello della trasformazione dei rifiuti, grazie a brevetti di peso mondiale come quelli detenuti da Ansaldo e Italgas.

Xi Jinping, nuovo leader cinese

Prima, però, bisogna mandare a casa i sicari dell’Italia – da Monti alla Merkel – e rivoluzionare l’Europa, tornando alla necessaria sovranità monetaria. Senza dimenticare che le controriforme suicide di stampo neoliberista che hanno azzoppato il paese sono state subite in silenzio anche dalle organizzazioni sindacali. Meno moneta circolante e salari più bassi per contenere l’inflazione? Falso: gli Usa hanno appena creato trilioni di dollari dal nulla, senza generare spinte inflattive. Eppure, anche i sindacati sono stati attratti «in un’area di consenso per quelle riforme sbagliate che si sono fatte a partire dal 1981». Passo fondamentale, da attuare subito: una riforma della finanza, pubblica e privata, che torni a sostenere l’economia. Stop al dominio antidemocratico di Bruxelles, funzionale solo alle multinazionali globalizzate. Attenzione: la scelta della Cina di puntare sul mercato interno può essere l’inizio della fine della globalizzazione, che è «il sistema che premia il produttore peggiore, quello che paga di meno il lavoro, quello che fa lavorare i bambini, quello che non rispetta l’ambiente né la salute». E naturalmente, prima di tutto serve il ritorno in campo, immediato, della vittima numero uno: lo Stato democratico sovrano. Imperativo categorico: sovranità finanziaria per sostenere la spesa pubblica, senza la quale il paese muore. «A me interessa che ci siano spese in disavanzo – insiste Galloni – perché se c’è crisi, se c’è disoccupazione, puntare al pareggio di bilancio è un crimine».


Nino Galloni: "Come ci hanno deindustrializzato", un viaggio che passa da Enrico Mattei e Aldo Moro - https://youtu.be/5lPGzvfnI9M


Nino Galloni


(Fonte: http://www.libreidee.org/2013/05/italia-potenza-scomoda-dovevamo-morire-ecco-come/)

Di Anonimo  (inviato il 19/11/2018 @ 10:11:05)
# 137
Credo e lo ripeto da tempo, che i socialisti italiani possano presentarsi autonomamente, uniti come forza politica nazionale, solo dopo che si siano riuniti in forma uffficiale e pubblica per esprimere un giudizio storico e politico su Craxi, la sua ascesa, la sua Leadership, la sua persecuzione, l'esilio. Bisogna che ci presentiamo uniti, una volta per tutte per dire al paese che Bettino Craxi fu il miglior statista italiano del dopoguerra e che la sua caduta è stata provocata, dai comunisti, tramite l'utilizzo di una magistratura a loro prona e asservita. Ancora oggi, a causa della propaganda comunista e di una certa sinistra di cui sono permeati gli organi di informazione, il PSI viene identificato come il partito dei ladri. Questo luogo comune deve essere preventivamente contestato e spezzato, nella consapevolezza che il PSI agiva in un contesto che era quello che Craxi magistralmente enunciò nel suo ultimo importante discorso alla Camera, dove i principali ladri erano i comunisti, che non vennero, se non marginalmente, sfiorati da Tangentopoli. Se non partiamo da un giudizio pubblico fiero e orgoglioso sul PSI di Bettino, potremo fare centinaia di congressi e riunioni, ma non arriveremo a nulla. E' assolutamente inutile rispolverare Turati, Kulischoff, Matteotti, Pertini, Nenni, Lombardi e tutti i santi del Paradiso, quasi ci vergognassimo di essere gli eredi di Lui, il nostro Leader, il nostro Statista: Bettino Craxi. E' di Craxi che dobbiamo parlare all'opinione pubblica, chiarendo qualsiasi ombra inventata dai nostri vili cugini sovietici. Solo dopo aver posto questa pietra miliare potremo iniziare a discutere sulla costituzione di un rinnovato soggetto politico socialista sulle orme dell'autonomismo craxiano. I clamorosi insuccessi elettorali di chi, come Nencini non ha avuto il coraggio, ma solo la spudoratezza di presentarsi come socialista durante una qualsiasi consultazione elettorale, suffragano la mia opinione. Solo dopo aver dato un vigoroso schiaffo ai comunisti e ai loro eredi e dopo aver riaffermato l'immenso valore dell'opera di Bettino Craxi, potremo parlare di un nuovo PSI. Al contrario è meglio che ognuno rimanga a dare il proprio contributo di idee, negli attuali schieramenti politici.
Di Anonimo  (inviato il 21/11/2018 @ 13:18:48)
# 138
scusate solo una domanda ma quei delinquenti che fecero indagare delle brave persone che fino ano fatto stanno ancora a disposizione dell'uomo nero
Di antonio  (inviato il 29/11/2018 @ 20:31:56)
# 139

Diciamolo subito. Di Maio ha definitivamente ucciso il Movimento 5 stelle. Le sue bugie e le sue responsabilità sono oramai oggettive, provate e riprovate. I fatti certi sono oramai sempre più gravi e documentati. Il grande paladino dell’onestà a senso unico è naufragato grazie alla sua stessa ed enorme ipocrisia.

Veniamo ai fatti. L’impresa oggetto di causa per lavoro nero è di Luigi Di Maio, come socio al 50% con la sorella. Documentato e provato. Precedentemente l’impresa era intestata alla madre che come dipendente pubblico non poteva legalmente ricoprire quel ruolo. Il perché di questo fatto è molto chiaro: il padre di Di Maio ha un debito con Equitalia di 172mila euro e per eludere eventuali procedure esecutive ha intestato l’azienda alla propria moglie. Anche se non poteva farlo. Prima domanda: il condono fiscale voluto dal governo giallo-verde verrà utilizzato dal padre di Di Maio?
Andiamo avanti. Di Maio aveva sempre detto di aver lavorato nel periodo estivo nell’azienda di famiglia. Seconda domanda: come mai di questo lavoro estivo non vi è alcuna traccia formale? Solo delle busta paga da febbraio a maggio 2008.

Nell’ultima puntata delle Iene altre inquietanti rivelazioni. Sono stati scoperti quattro fabbricati abusivi nei terreni di famiglia. In questo caso sempre Di Maio durante l’intervista delle Iene, fortemente imbarazzato, diceva di ricordare solo una stalla. Smentito in diretta. Infatti, dove Gigino diceva esserci una stalla vi è una piscina con locale per cene e feste. Tutto documentato con le stesse foto pubblicate da Di Maio sulla sua pagina Facebook negli anni precedenti. Capita sempre a chi mente. Dimenticare le cose fatte e dette in precedenza. Terza domanda: perché mentire così spudoratamente?
Insomma, una situazione veramente imbarazzante che rischia di arrivare ben presto davanti la Procura della Repubblica per il reato di concorso in elusione fraudolenta. Infatti, secondo un avvocato dello studio Martinez & Novebaci, consultato dalle Iene, Luigi Di Maio potrebbe incorrere in detto illecito. Motivo semplice. Nell’ultimo servizio sul caso, andato in onda ieri sera, si avanza il sospetto che Antonio Di Maio sia stato il socio occulto, proprietario di fatto dell’Ardima Costruzioni, e che il figlio, ora vicepremier, abbia fatto da prestanome. E qui le responsabilità sono dirette e non scaricabili sul padre (nonostante Antonio tenti di negare ogni coinvolgimento del figlio). Quarta domanda: com’è possibile che il proprietario di una società non sappia nulla di quello che accade all’interno della sua azienda?
Questo il quadro che sempre più sta emergendo. E il vice premier, ministro del Lavoro, più parla e più si aggroviglia nel torbido delle bugie, ipocrisia e della vergogna. Sono fatti incontrovertibili non opinioni, potrà non piacere ma è la realtà. Poco serve continuare a parlare del Pd, di Renzi, Boschi o dei giornalisti cattivi a seconda dei casi. Ed è sempre più inquietante che ogni volta si critichi un esponente del Movimento arrivi la gogna mediatica e una valanga di pesanti offese e minacce. Chi per anni non ha fatto altro che dichiararsi il più bello e onesto del mondo, accusando tutti di gli altri di disonestà, non può di certo scandalizzarsi se poi una volta al governo viene controllato. In altri casi meno gravi si sono chieste le dimissioni di ministri e governi.
In tutto questo, poi, Salvini ha completamente in mano il governo e anche in questo caso le balle politiche di Di Maio sono ancor più gravi. Oltre a non aver abolito la povertà, Gigino aveva detto di aver già dato alla stampa le tessere per il reddito di cittadinanza. Una farsa pazzesca. Smentito da tutti e dal suo stesso governo. Il reddito di cittadinanza oltre a non essere presente nella Manovra finanziaria non è presente in alcun documento formale. Rimane nel libro dei sogni. Altra domanda: come può un vice premier mentire così spudoratamente creando false illusioni ed aspettative?
Questa la cruda realtà. Ad oggi gli unici provvedimenti approvati dal governo vedono Salvini piglia tutto. Provvedimenti di ultra destra che hanno anche visto la presa di distanza da parte del presidente Fico. Insomma, un Movimento che ha rinnegato se stesso e con un “leader” che rischia di annegare davanti alle sue sempre più frequenti bugie. Salvini che continua a ridere e a fare programmi con Berlusconi. Un Movimento 5 stelle utile solo alla destra e alle poltrone personali. Una sfida, cari grillini: trovate un provvedimento reale che il governo ha approvato secondo il programma del Movimento. Vi stupirete, forse.
Di Anonimo  (inviato il 03/12/2018 @ 15:34:27)
# 140
Meritiamo o no un segno di Festa?
È vero, Natale non è addobbi ed abbuffate.
È vero anche che un momento di raccolta, silenzioso e sincero, in questi periodi critici, fa riscoprire il vero significato della festa e vale più di mille goliardie!
E però...però... però, è troppo triste camminare per il proprio Paese e non respirare aria di Festa!
Vado a Nola e vedo la città illuminata e in fermento con tante famiglie per le strade cittadine, allegramente a passeggiare.
Mi fermo a Pomigliano D’Arco per un caffè e...vedo una città che sprizza di Festa in ogni angolo, in ogni vicolo. Quartieri interi addobbati, musica e teatro dei burattini nella piazza principale, tanti bambini per strada e, soprattutto, tanti negozi aperti e zeppi di persone.
Mi si dirà che sono città e che un piccolo Paese come il mio non può a loro paragonarsi?
Sono d’accordo fino ad un certo punto, perché ogni Paese può avere una propria specificità e una propria bellezza durante le feste.
E, allora, cosa dire degli altri Paeselli della nostra area?
San Vitaliano, per esempio, dove sono stati piantati e addobbati alberi di Natale in ogni piazzetta; o Marigliano con il suo bel edificio Comunale illuminato; oppure gli altri Paesi a seguire , nei quali è possibile scorgere la cura, l’attenzione e l’ingegno con cui le amministrazioni, anche se con 1000 difficoltà economiche, hanno dato un segno della Festa che verrà.
Solo nel mio Paese non si scorge un minimo segno delle Festività!
Nel mio Paese ho sentito solo tanti proclami e pochi fatti di chi amministra!
Il mio Paese è rimasto al BUIO!
E per fortuna che ci sono le Scuole e le tante associazioni socio-culturali e sportive , a cui va il mio plauso, che, con dedizione e amore, fanno sforzi enormi per dar un po’ di colore e allegria all’ormai deserto mio Paese.
Poi ci chiediamo perché nelle vie di Brusciano si respira cronicamente aria di crisi; poi ci chiediamo perché tanti negozi, perfino gli storici, devono calar serranda; poi ci chiediamo perché tante famiglie con i propri pargoli si allontanano dal Paese per una passeggiata e preferiscono far espatriare , anche scolasticamente, i figli nei Comuni limitrofi; poi ci chiediamo perché le piazze del Paese, anche nelle piccole manifestazioni (come oggi), sono quasi deserte e di sera sono ostaggio dei soliti balordi.
Non ci lamentiamo di tutto ciò: questi sono i risultati di scelte politiche inefficienti e di azioni amministrative inefficaci che nel tempo si sono perpetuate. E che oggi sono talmente fallimentari che non portano neanche ad “accendere una luce” durante le festività. Chissà che fine hanno fatto quei/quelle Consiglieri Comunali, tempo fa all’opposizione, che promettevano “nuove svolte e vecchi fasti” per la nostra Cittadina: chissà dove sono!
Brusciano, e lo dico da FIERO A.Castaldo...BRUSCIANESE, merita molto di più di ciò che, oggi, si sta offrendo ai cittadini.
Brusciano non può vivere anche il Natale nel totale disincanto.
Voglio ancora sperare che si dia luce al Paese!
E voglio sperare che il Paese non passi, con un rapido volo pindarico, dall’ illusione di una “rivoluzione arancione” al rimpianto di un “tristissimo alberello blu” del passato!
#menochiacchierepiùfatti
Di Anonimo  (inviato il 10/12/2018 @ 07:17:33)
# 141
peppe montanile hai fatto la fine di salvini fai solo selfie brusciano e peggio di prima dovresti piangere invece di ridere il paese bloccato la vigilia di natale per me e camorra macchine in sosta senza un minimo di dignità marciapiedi occupati questa e camorra caro peppe per te e tuo padre non andavo niente bene adesso tutto a posto perciò smettere di ridere e lavori se sei capace
Di luigi  (inviato il 27/12/2018 @ 09:47:36)
# 142
La pubblico volentieri..Vivere lontano da casa non è per tutti.
Devi avere un cuore grande,grande a sufficienza per far da valigia a tutto ciò che lasci:
gioie e dolori, amici e amori.
Questo bagaglio cardiaco che batte anche quando tocchi un suolo che non ti appartiene o quando sei steso su un materasso che non ha la tua forma e un cuscino scomodo, e guardi il soffitto chiedendoti dove stai andando.
Amici che non sono i tuoi, una città che non è tua.
Devi avere un cuore grande, così grande da far spazio a cose nuove.
Un cuore che a volte temi che altri si siano scordati, perché il presente ha preso il sopravvento nelle loro vite.
Un cuore grande, ma non troppo forte.
Allora è lì che si ferma un attimo.
Va in arresto, ti confonde e non sa più chi sei.
Così ti stendi sul materasso che ora ha subito un po' il tuo peso, e il cuscino è più molle da una parte e ti chiedi chi stai diventando più che dove stai andando.
Perché quando parti, più che muoverti verso una destinazione, vai verso un destino, il tuo...
Di Anonimo  (inviato il 27/12/2018 @ 12:25:42)
# 143
Sarà capitato anche a Brusciano? Secondo me si, anzi anche qualcosa di più eclatante.
Falso condono edilizio,
otto rinvii a giudizio a Capri.
L'ex capo dell' Ufficio Tecnico del Comune di Capri, Massimo Stroscio, ed altri sette tra tecnici, componenti la Commissione edilizia ed il proprietario di un immobile sull' isola sono stati rinviati a giudizio dal Gip del Tribunale di Napoli Eliana Franco per abuso d' ufficio e falso ideologico.
Il Gip ha accolto le richieste del pm Monica Campese, che ha coordinato le indagini dei carabinieri della Stazione di Capri e della Compagnia di Sorrento. Stroscio è attualmente destinatario di un divieto di dimora per un'altra vicenda edilizia. I reati contestati si riferiscono ad una pratica contenente un falso condono edilizio.

Gli inquirenti hanno accertato che nella pratica erano stati commessi falsi, con alterazione dei grafici originari, che hanno procurato un ingiusto vantaggio patrimoniale di rilevante entità al proprietario dell' immobile con la realizzazione di aumenti volumetrici per 57 metri quadrati e l' aumento del valore dell' immobile per circa 460mila euro. L'atto sarà notificato anche al sindaco pro-tempore del Comune di Capri, Gianni De Martino, che è parte offesa nel procedimento.
Di peppe  (inviato il 22/01/2019 @ 19:36:53)
# 144
A furia 'e dicere “è cosa 'e niente”
simme addeventate ddoje
cose 'e niente io e te.
Di Anonimo  (inviato il 31/01/2019 @ 09:51:46)
# 145
La dove le opinioni irragionevoli prendono il posto delle idee, la forza può tutto.
Di Anonimo  (inviato il 03/02/2019 @ 20:13:22)
# 146
A Brusciano le strutture scolastiche necessitano di interventi urgenti da parte del Comune a sostegno dell'ottimo lavoro che invece svolgono i dirigenti, i docenti ed il personale.

A Brusciano il comandante della Polizia Municipale si licenzia, poi ritira le dimissioni, poi si mette in aspettativa.

A Brusciano i criminali hanno il dominio del territorio mettendo in pericolo la vita dei cittadini e soprattutto dei nostri figli!

A Brusciano ci sono assessori che sbattono i pugni sulla scrivania dicendo "QUI COMANDO IO!", "VUOI VEDERE CHE NON TI FACCIO FARE PIU NULLA!!".

La situazione è letteralmente fuori controllo, un paese allo sbando per la pochezza e l'incompetenza di questa amministrazione e lo dimostra il fatto che dopo gli ultimi avvenimenti criminosi si sarebbe dovuta convocare una "tavola rotonda" non al ristorante, ma al comune!

Se è tutto "sereno all'orizzonte", che DIO abbia pietà di noi!
Di Brusciano bene comune  (inviato il 13/02/2019 @ 23:07:58)
# 147
E' bello e gli tirano le pietre,ve la ricordate la canzone?
Di Anonimo  (inviato il 15/02/2019 @ 17:56:47)
# 148
Ma questo sindaco e il suo esercito di Francischiello non hanno figli, mogli, genitori, nipoti che vivono qui? Come si fa a non vedere quello che succede nei pressi della masseria Vaia all'inizio della zona quaranta moggi, cioè della zona agricola di Brusciano? Lì si è formata una vera e propria discarica di rifiuti pericolosi che viene ignorata tranquillamente dal sindaco dei bla bla bla bla....cosa si aspetta? Che qualcuno gli dia fuoco e ci sia l'ennesimo rogo tossico? E'possibile che non si faccia nulla per questo scempio? Noi viviamo a Bruscianafrica!!!
Di antonio  (inviato il 20/02/2019 @ 21:01:13)
# 149
E' vero è diventato l' Esercito e Pepp'niello!
Che pena mi fanno!, specialmente quella Consigliera Pinuccia che nella passata amministrazione faceva opposizione, voleva fare e cambiare Brusciano... oggi mi sembra una capretta allo sbando!!! ah !ah!ah! oHoi gigi.. ohi GIGET!!!, non conta nulla e per di più, l' hanno fatta aderire anche al gruppo della Clinica...bel Pacco!

Poi c'è o non c'è un Vice Sindaco a Brusciano??? domandatelo a quelli che l' hanno votat'
Siete destinati a finire a meno che l'ottimo Zucchino non decide.... che questa amministrazione deve durare 5 anni.
Perché mettetevelo bene in testa il Sindaco A Brusciano...quello che comanda e decide o verament e fa chell ch addf'à da 15anni è sempre Mimmo Ruggiero!
Band e sciem'!!!
GIOVENTU' BRUSCIANESE! : - P : - P : - P : - P
Di Anonimo  (inviato il 21/02/2019 @ 12:14:42)
# 150
LA POLITICA DEI FATTI!

Subito un osservatorio anticamorra e per la legalità. A proporlo è il leader dell' opposizione Carmineantonio ESPOSITO, giudice in pensione, già impegnato nella lotta contro le mafie.

Mette a disposizione della scuola la sua professionalità gratuitamente. Obiettivo: combattere la dispersione scolastica, promuovere la cultura contro la violenza criminale e ridare a Brusciano la sua identità di terra di lavoro fondata sui sani valori di legalità e condivisione.

Il giudice dichiara che rifiuta la politica come strumento di arricchimento, come mezzo di potere, come ricerca di protagonismo. Una democrazia sostanziale si consolida con il confronto delle idee confortate dal riscontro dei fatti e non con le promesse individuali. Ringrazia, inoltre, le forze di Polizia per l’encomiabile impegno con cui seguono le tristi vicende di Brusciano.

La lotta contro lo spaccio della droga e contro le associazioni malavitose che infestano il nostro paese richiede uno sforzo comune ed unitario di tutte le forze politiche. L'Osservatorio può essere un ottimo deterrente e argine al crimine reale.
Un opportunità da non far scappare assolutamente!

Un grazie per la sua sensibilità nei riguardi dei nostri figli!
Di Anonimo  (inviato il 05/03/2019 @ 10:15:57)
# 151
LA POLITICA DEI FATTI!

Subito un osservatorio anticamorra e per la legalità. A proporlo è il leader dell' opposizione Carmineantonio ESPOSITO, giudice in pensione, già impegnato nella lotta contro le mafie.

Mette a disposizione della scuola la sua professionalità gratuitamente. Obiettivo: combattere la dispersione scolastica, promuovere la cultura contro la violenza criminale e ridare a Brusciano la sua identità di terra di lavoro fondata sui sani valori di legalità e condivisione.

Il giudice dichiara che rifiuta la politica come strumento di arricchimento, come mezzo di potere, come ricerca di protagonismo. Una democrazia sostanziale si consolida con il confronto delle idee confortate dal riscontro dei fatti e non con le promesse individuali. Ringrazia, inoltre, le forze di Polizia per l’encomiabile impegno con cui seguono le tristi vicende di Brusciano.

La lotta contro lo spaccio della droga e contro le associazioni malavitose che infestano il nostro paese richiede uno sforzo comune ed unitario di tutte le forze politiche. L'Osservatorio può essere un ottimo deterrente e argine al crimine reale.
Un opportunità da non far scappare assolutamente!

Un grazie per la sua sensibilità nei riguardi dei nostri figli!
Di Anonimo  (inviato il 05/03/2019 @ 10:17:28)
# 152
carissimo giudice a brusciano le persone oneste e per bene non l'anno mai capite i bruscianesi sono amanti dei falsi sono come i ciucci... si dice a lavà a capa o ciuccio
si perde acqua tempo e sapone siete una persona sprecata in questo popolo di scenziati
Di luigi  (inviato il 08/03/2019 @ 20:55:33)
# 153
e questo lo si sapeva e lo si sa.
Di peppe  (inviato il 09/03/2019 @ 10:40:22)
# 154
A Brusciano le strutture scolastiche necessitano di interventi urgenti da parte del Comune a sostegno dell'ottimo lavoro che invece svolgono i dirigenti, i docenti ed il personale.

A Brusciano il comandante della Polizia Municipale si licenzia, poi ritira le dimissioni, poi si mette in aspettativa.

A Brusciano i criminali hanno il dominio del territorio mettendo in pericolo la vita dei cittadini e soprattutto dei nostri figli!

A Brusciano ci sono assessori che sbattono i pugni sulla scrivania dicendo "QUI COMANDO IO!", "VUOI VEDERE CHE NON TI FACCIO FARE PIU NULLA!!".

La situazione è letteralmente fuori controllo, un paese allo sbando per la pochezza e l'incompetenza di questa amministrazione e lo dimostra il fatto che dopo gli ultimi avvenimenti criminosi si sarebbe dovuta convocare una "tavola rotonda" non al ristorante, ma al comune!

Se è tutto "sereno all'orizzonte", che DIO abbia pietà di noi!
Di Anonimo  (inviato il 11/03/2019 @ 16:15:31)
# 155
“Io amo i coraggiosi.
Ma non basta essere bravi guerrieri,
si deve anche sapere chi colpire.
E spesso c’è maggior coraggio nel trattenersi e passare oltre, per risparmiarsi per il nemico più degno”.
Di Anonimo  (inviato il 23/03/2019 @ 15:10:47)
# 156
Il Consiglio comunale di Brusciano è stato convocato per il giorno 27 marzo, con 10 punti all'ordine del giorno, ma non è stato preceduto dalla Conferenza dei capi-gruppo.
La mancata preventiva convocazione della conferenza dei capi-gruppo offende la dignità politica di tutta l'assemblea consiliare ( e quindi dell'intera cittadinanza rappresentata) in quanto limita e restringe l'operatività del diritto all'informazione effettiva spettante ad ogni consigliere.
Sull'osservanza delle regole non possono e non devono delinearsi divisioni tra maggioranza e minoranza. Il metodo democratico è un bene unitario che appartiene a tutti e deve essere difeso in egual misura da ciascun consigliere. Chi non condivide tali principi si pone al di fuori della Costituzione.
La democrazia sostanziale non si ferma alla conta dei numeri ma implica un coinvolgimento consapevole e responsabile di tutti. La mancata convocazione della conferenza dei capi-gruppo ha mortificato la democrazia sostanziale.
La minoranza consiliare non può né deve limitarsi a recepire o a respingere le decisioni della maggioranza ma ha il dovere di contribuire alla formazione alla elaborazione delle decisioni.
Di Anonimo  (inviato il 28/03/2019 @ 13:41:38)
# 157
Il Silenzio dei Colpevoli!
Sindaco ma ci sei? il Vice Sindaco Salvati lo sappiamo che non c'è mai ad eccezione del fine mese.... cioè oggi... non dimenticatevelo che voleva devolvere il suo Stipendio alle Casse del Comune...si è visto!!!
Poi c'è la Consigliera Sposito che la passata amministrazione voleva spaccare il mondo...oggi mi sembra una caprettina amorevole con le persone della passata amministrazione.
Poi ci sono i cognatini che non si capisce ruolo e funzioni,poi c'è lo Sposito che è in un mare a forza 8, infine c'è il Piscatore ...alias consigliere Di Palma che da 15 anni insieme a Negri fann l' acqua e l'oglio e a cosa bbell è ca aggent e vot pur a sti ddui gnurant'...
Poi c'è MARADONA ALIAS il Cucuzzo, il consigliere che comanda sempre , è inutile che si agita l' assessore Casalvieri...perchè
se oggi è assessore lo deve principalmente a Ruggiero Mimi'.... MARADONA.
Alla fine ha ragione il Popolo ci siamo fatti la croce e ci siamo cecati l?occhio!

Vota Cavall'Vot!!!
Di Anonimo  (inviato il 29/03/2019 @ 11:39:50)
# 158
e tutti impecorinati vissero felici e contenti.
Di peppe  (inviato il 31/03/2019 @ 15:04:56)
# 159
Terremoto a Torre del Greco: voti venduti a 20 euro, due consiglieri tra i 14 arrestati
Il consigliere Piccirillo, l'ex assessore Magliacano e il consigliere Abilitato
di Dario Sautto
I carabinieri della compagnia di Torre del Greco hanno dato esecuzione a 14 misure cautelari emesse dal Gip di Torre Annunziata a carico di altrettanti indagati ritenuti responsabili a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al voto di scambio elettorale, voto di scambio elettorale, attentati contro i diritti politici del cittadino, rivelazione e utilizzazione di segreti di ufficio, favoreggiamento, detenzione illegale di armi da sparo comuni e da guerra.


Nel corso di indagini coordinate dalla Procura di Torre Annunziata i militari dell’Arma hanno scoperto l’esistenza di un sodalizio criminale attivo a Torre del Greco che in occasione delle elezioni amministrative del 2018 aveva acquistato voti in cambio di somme tra i 20 e i 35 euro, o di generi alimentari, o promettendo posti di lavoro previsti da un progetto regionale.

I due consiglieri coinvolti sono Stefano Abilitato, agli arresti domiciliari, e Ciro Piccirillo, per il quale è scattata la misura del divieto di dimora in Campania. Il primo avrebbe partecipato alla gestione delle assunzioni dei netturbini che avrebbero beneficiato di un impiego a tempo determinato per il consorzio Gema, tramite l'agenzia interinale Da.Dif Consulting e lo sfruttamento di Garanzia Giovani, a pochissimi giorni dalla corsa alle urne. Il ruolo del secondo, poliziotto, è legato principalmente alla rivelazione dell'inchiesta agli indagati. Stefano Abilitato ha chiuso l'ultima campagna elettorale di Torre del Greco collezionando 927 voti. Broker assicurativo, già consigliere comunale, ex Forza Italia, era candidato con la lista civica «Il Cittadino» a sostegno del neo sindaco Giovanni Palomba. Ciro Piccirillo, invece, è al suo terzo mandato consiliare consecutivo.

Arresti domiciliari per un ex assessore, il commercialista Simone Magliacano. Tra gli indagati figura anche Domenico Pesce, presidente Unicef Napoli, accusato di aver comprato voti in cambio di pacchi alimentari con marchio Ue tramite una Onlus.

Associazione per delinquere finalizzata al voto di scambio elettorale, concorso in voto di scambio elettorale, attentato contro i diritti civili dei cittadini, rivelazione e utilizzazione dei segreti d'ufficio, favoreggiamento e detenzione illegale di armi da guerra sono i reati contestati a vario titolo agli 8 arrestati (4 in carcere e 4 ai domiciliari) e ai 6 indagati raggiunti dal divieto di dimora (uno in Campania, gli altri a Torre del Greco), a cui stamattina i carabinieri della compagnia di Torre del Greco hanno notificato l'ordinanza.

LE MISURE CAUTELARI
Arresti in carcere: Giovanni e Ciro Massella, Giuseppe Mercedulo, Gerardo Ramondo
Arresti domiciliari: Stefano Abilitato, Andreina Vivace, Francesco Sallustio e Simone Magliacano
Divieto di dimora in Campania: Ciro Piccirillo
Divieto di dimora a Torre del Greco: Domenico Pesce, Salvatore Loffredo, Giuseppe Sdegno, Vincenzo Izzo, Gennaro Savastano
Di Anonimo  (inviato il 02/04/2019 @ 15:19:10)
# 160
CRISI DEL SISTEMA DEMOCRATICO: GLI ELETTORI SONO PERFINO PEGGIORI DEGLI ELETTI

Elettorato ed eletti parlano la stessa lingua, in fondo. La stragrande maggioranza degli elettori italiani chiedono al politico di essere un fornitore di piccoli e grandi privilegi. I politici per essere eletti devono prometterli prima ed accordarli poi per rimanere al governo.

È gioco-forza, quindi, che poi la quasi totalità dei politici si preoccupi esclusivamente dei propri interessi, vista la caducità dei consensi, in quel modo ottenuti.

La Prima Repubblica, almeno, aveva la "protezione" sana delle ideologie che davano stabilità al sistema democratico.

Oggi, invece, elettori, scafati e disillusi, sono sempre pronti ad accasarsi con il miglior offerente. I politici odierni, a loro volta, promettono mirabolanti vantaggi che poi devono erogare anche a scapito del Debito Pubblico, con l'unico intento di guadagnarsi la "pagnotta dorata".

Conclusioni? Il sistema democratico non regge più, ecco perché avanzano i populismi che non si fanno scrupoli nell'inseguire gli egoismi individuali di un popolo cialtrone ed approfittatore, a svantaggio delle future generazioni.
Di Anonimo  (inviato il 09/04/2019 @ 14:03:07)
# 161
non c’è vento favorevole per coloro che non sanno in che porto stanno andando”.
Di Anonimo  (inviato il 15/04/2019 @ 08:54:45)
# 162
“Hanno sparato davanti ai bambini, hai capito?”, strepitava una mamma. “C’era anche il mio nipotino”, raccontava un nonno. A terra, sull’asfalto, brillavano decine di bossoli, espulsi dalle pistole che pochi minuti prima avevano fatto fuoco davanti agli occhi terrorizzati di diversi ragazzini. Sotto la pioggia di proiettili scaricati dalle armi da fuoco è rimasto ferito un uomo già noto alle forze dell’ordine, subito condotto in ospedale. È questo lo scenario che ha lasciato dietro di sé l’ennesimo episodio di fuoco che si è consumato a Brusciano (Napoli), l’ultimo di una guerra di camorra che si sta combattendo da circa due anni.

I colpi esplosi sono finiti contro delle auto parcheggiate. Per fortuna erano vuote. Hanno mandato in frantumi il finestrino di un’utilitaria e forato lo sportello di un’altra macchina poco distante. “È stata colpita anche la finestra di un’abitazione”, ha rivelato qualche residente. Sono almeno 17 i bossoli repertati dai carabinieri intervenuti sul posto. Sono stati individuati in uno spiazzo che si allarga sotto due file di palazzoni di edilizia popolare del rione 219. Erano le 17 quando è partita la raffica di colpi di pistola. I bambini stavano giocando sotto casa, come fanno solitamente nel tempo libero. Il bar del posto era aperto. Le famiglie erano radunate per festeggiare la domenica delle Palme. In quello che sembrava un tranquillo pomeriggio di una giornata di festa, sono partiti i botti, numerosi. Si sarebbe trattato di un conflitto a fuoco tra soggetti appartenenti a gruppi malavitosi rivali. “Sembravano dei fuochi d’artificio, invece erano spari”, ha raccontato un ragazzo.
Il personale dell’Arma della sezione Rilievi è rimasto al lavoro per almeno un paio di ore. I carabinieri ora indagano sull’accaduto. Devono ricostruire la dinamica dei fatti e risalire al movente della sparatoria. Subito dopo le pistolettate, sarebbe avvenuta un’aggressione ai danni di un soggetto già noto alle forze dell’ordine. Una circostanza, questa, che dovranno accertare i militari dell’Arma. L’episodio di ieri sarebbe da inquadrare negli scontri in atto tra due gruppi criminali che tra quei complessi abitati hanno creato i loro fortini, a scapito delle tante persone perbene che vi risiedono. Lo spaccio di droga e le estorsioni sono alla base della contesa. E tra i palazzi della 219 la vendita di droga al minuto da qualche anno è fiorente e organizzata nei minimi dettagli.

A Brusciano la comunità continua a soccombere al piombo, alle prevaricazioni, ai crimini di pochi soggetti così spietati che non si fermano nemmeno davanti a dei bambini, molti dei quali sono giovani leve che aspirano a scalare la carriera criminale. Solo due settimane fa, un uomo rimase vittima di un agguato, avvenuto all’esterno del cimitero dove lavora come venditore ambulante di lumini. Le sue condizioni sono ancora molto gravi. L’anno prima aveva denunciato una tentata estorsione, accusando uomini di uno dei clan di camorra radicati a Brusciano, quello dei “Rega”, poi finiti in carcere a giugno scorso. Non si riesce più a portare il conto delle sparatorie e degli attentati dinamitardi avvenuti negli ultimi due anni. Non sono mancati conflitti a fuoco in pieno giorno e davanti alla folla, ma anche all’uscita di scuola dei bambini. In un caso un anziano è rimasto ferito per errore, in un altro un bambino è stato colpito di striscio da un proiettile. Poi c’è stata l’aggressione al sindaco e agli assessori. Un elenco di crimini a cui non si riesce a mettere un punto, in un territorio che ormai si può dire sia ai margini delle attenzioni istituzionali.
Di Anonimo  (inviato il 15/04/2019 @ 17:32:49)
# 163
Blocchiamo il Paese!
Chiediamo come cittadini un intervento del Ministro e della Prefettura.
Non è possibile che si spari a tutte le ore e si mettiono bombe e si incendiano auto come nulla fosse.
E' vero che abbiamo un Sindaco che non Serve a nulla!oltre a farsi i selfie un giorno e un altro a fare Il Romeo con Giulietta!
Scendiamo per le vie del Paese e mobilitiamo la gente siamo stusi del non far nulla per Brusciano.
Brusciano non è questa, e vero è stato un errore votare questo Sindaco, quando dall' altra parte c'era una persona Onesta in tutti i sensi e Capace di mettere ordine!
Abbiamo sbagliato , ma ora se abbaimo un po 'di orgoglio e senso di civiltà facciamo il nostro dovere scendiamo tutti in piazza ed in nome della Legalità RIBELLIAMOCI TUTTI!

GIOVENTU' BRUSCIANESE : - P : - P : - P
Di Anonimo  (inviato il 19/04/2019 @ 11:11:52)
# 164
Blocchiamo il Paese!
Chiediamo come cittadini un intervento del Ministro e della Prefettura.
Non è possibile che si spari a tutte le ore e si mettiono bombe e si incendiano auto come nulla fosse.
E' vero che abbiamo un Sindaco che non Serve a nulla!oltre a farsi i selfie un giorno e un altro a fare Il Romeo con Giulietta!
Scendiamo per le vie del Paese e mobilitiamo la gente siamo stusi del non far nulla per Brusciano.
Brusciano non è questa, e vero è stato un errore votare questo Sindaco, quando dall' altra parte c'era una persona Onesta in tutti i sensi e Capace di mettere ordine!
Abbiamo sbagliato , ma ora se abbaimo un po 'di orgoglio e senso di civiltà facciamo il nostro dovere scendiamo tutti in piazza ed in nome della Legalità RIBELLIAMOCI TUTTI!

GIOVENTU' BRUSCIANESE : - P : - P : - P
Di Anonimo  (inviato il 19/04/2019 @ 11:14:42)
# 165
Bomba carta contro un palazzo a Brusciano, continua a infuriare la guerra di camorra
Una bomba carta è esplosa nella notte tra il 18 e il 19 aprile a Brusciano, in provincia di Napoli. La deflagrazione, davanti a un condominio di edilizia popolare nel rione 219, ha distrutto vetri e danneggiato 6 automobile. L'episodio da collocare nelle frizioni da clan che sono in atto nel Comune da circa un anno e mezzo

Una intimidazione, probabilmente un messaggio diretto a qualcuno che abita in quelle palazzine e da consegnare in un modo plateale, in modo che tutti venissero a saperlo. Un ulteriore tassello della guerra di camorra che da oltre un anno sta infuriando in provincia di Napoli, e nella quale sarebbe da collocare anche la gambizzazione di un giovane soltanto pochi giorni fa. Ci sarebbe questo dietro l'ordigno che è stato fatto esplodere questa notte, tra il 18 e il 19 gennaio, a Brusciano, in provincia di Napoli. Lo scoppio ha svegliato i residenti delle palazzine popolari "ex legge 219" di via Rossellini e ha causato parecchi danni: sono state distrutte le vetrate al piano terra di un condominio e sono rimaste danneggiate sei automobili parcheggiate in strada. È stato necessario l'intervento dei Vigili del Fuoco: la deflagrazione ha causato anche un incendio, che è stato domato poco dopo dai pompieri di Nola e l'area è stata messa in sicurezza. Sul posto i carabinieri della sezione Rilievi del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna, che si cono occupati dei primi accertamenti; le indagini sono affidate ai militari di Brusciano e della Compagnia di Castello di Cisterna.

L'episodio sarebbe da inquadrare nei contrasti tra i gruppi criminali della zona che, ormai da più di un anno e mezzo si traduce in spari contro le automobili, bombe carta e, come successo nella Domenica delle Palme, ferimenti a colpi di arma da fuoco. Pochi giorni fa, un altro raid: erano state incendiate sei automobili, parcheggiate in diversi punti tra gli edifici popolari del rione 219. Alla fine di marzo, invece, un uomo rimase gravemente ferito mentre era col padre nel suo furgone: si avvicinarono due persone in scooter e gli spararono.
Di Anonimo  (inviato il 20/04/2019 @ 11:29:47)
# 166
A Brusciano le strutture scolastiche necessitano di interventi urgenti da parte del Comune a sostegno dell'ottimo lavoro che invece svolgono i dirigenti, i docenti ed il personale.

A Brusciano il comandante della Polizia Municipale si licenzia, poi ritira le dimissioni, poi si mette in aspettativa.

A Brusciano i criminali hanno il dominio del territorio mettendo in pericolo la vita dei cittadini e soprattutto dei nostri figli!

A Brusciano ci sono assessori che sbattono i pugni sulla scrivania dicendo "QUI COMANDO IO!", "VUOI VEDERE CHE NON TI FACCIO FARE PIU NULLA!!".

La situazione è letteralmente fuori controllo, un paese allo sbando per la pochezza e l'incompetenza di questa amministrazione e lo dimostra il fatto che dopo gli ultimi avvenimenti criminosi si sarebbe dovuta convocare una "tavola rotonda" non al ristorante, ma al comune!

Se è tutto "sereno all'orizzonte", che DIO abbia pietà di noi!
Di Anonimo  (inviato il 21/04/2019 @ 16:59:42)
# 167
Le persone «perbene», oneste e con senso civico non riescono a fare carriera all’interno della pubblica amministrazione. Spesso vengono emarginate proprio perchè hanno un’etica del lavoro. È l’affondo di Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione
Di Anonimo  (inviato il 24/04/2019 @ 23:57:05)
# 168
sindaco senior e sindaco junior si sono sempre battuti contro ogni amministrazioni precedenti addirittura volevano fare consigli comunali straordinari per abbassare le tasse guarda caso per la loro incapacità perche non sanno da dove incominciare aumentano le tasse fai un censimento ci sono famiglie che non pagano l'unico paese che non si fa la differenziata l'unico paese che non da le buste della spazzatura ma purtroppo sono sempre le persone per bene a subire e inutile questo bla bla bla te lo dico con il cuore veramente non funzione un c***o a stu paese
Di Anonimo  (inviato il 29/04/2019 @ 14:17:20)
# 169
e poi bisogna vedere quanti di questi perbeni barano sulle tasse pagando in meno o non pagando proprio e non pagano l'acqua. Amministrazione trasparente, incominciassero a rendere pubblico quanto pagano di spazzatura, di imu ecccc loro, i loro familiari e i loro accoliti.
Di peppe  (inviato il 29/04/2019 @ 18:51:16)
# 170
e tu din, don, dan, di nero vestito, dato che non è ti sarà mai possibile quantificare quante persone hai fatto allontanare, sai almeno se vi è stato qualche capra prodiga di ritorno?
Di Anonimo  (inviato il 30/04/2019 @ 11:27:02)
# 171
L'Opposizione guidata dal Giudice Esposito Carminantonio dice NOO!!!

Braccio di ferro tra maggioranza e opposizione. Il giudice Carminantonio Esposito afferma:" No all'aumento delle tasse! No al pizzo! Grazie alle forze dell'ordine! Si alla lotta contro l'evasione! Si all'aiuto alle famiglie disagiate".

Seduta di consiglio comunale al vetriolo. Il gruppo consiliare Rinascimento Bruscianese ha votato contro la Programmazione del triennio 2019-2021 presentato dalla giunta comunale.

Sotto accusa: l'aumento dei tributi locali. Il capogruppo Esposito ha sollecitato il comune a stanare gli evasori; ha invitato i commercianti a non pagare il pizzo; si è dichiarato disponibile a prestare attività gratuita nelle scuole per il recupero degli alunni bisognosi di sostegno. I motivi del voto contrario possono così sintetizzarsi:

A) INGIUSTO AUMENTO DELLA TASSA SUI RIFIUTI.

Inutilmente è stato messo in evidenza che in altri comuni della zona la pressione fiscale è più bassa e che nel comune di Pozzuoli le famiglie con Isee non superiore a 6.000 euro annui non pagano la TARI. Sarebbe stato opportuno fissare aliquote differenziate in modo da attuare una effettiva equità fiscale con doverosa tutela delle fasce deboli. Per realizzare ciò è necessario un tempestivo ed intelligente intervento per stanare quelli che non pagano.

B) SICUREZZA NEL PAESE

Brusciano è invivibile di giorno e di notte. Sono opportuni: pattugliamento del territorio comunale ad opera dell'esercizio; Il potenziamento degli impianti di videosorveglianza; La illuminazione a giorno dei luoghi in cui si spacciano sostanze stupefacenti; L'apertura presso il Comune di uno sportello antiracket a difesa dei commercianti vittime di richieste estorsive;

NESSUNO DEVE PAGARE IL PIZZO! Questo è l'invito che Esposito ha rivolto ad alta voce a tutti i Bruscianesi

C) VIOLAZIONE DEGLI IMPEGNI ASSUNTI CON LA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 52 DEL 3/11/18. Infatti :

C1) LAVORO : non è stato stanziato nemmeno un centesimo per nessuno dei tre anni nè per lo sviluppo agricolo, nè per la formazione professionale nè per il sostegno all'occupazione. L'abbandono in cui si trova l'area del PIP allontana le imprese dal nostro territorio con conseguente riduzione dei posti di lavoro.

C2) POLITICHE SOCIALI, DIGNITÀ DELLA PERSONA E POLITCHE GIOVANILI

Non è stato stanziato nemmeno un centesimo per gli anni 2019/2020/2021 nè per gli anziani nè per le famiglie disagiate, nè per le politiche giovanili.

C3) LEGALITÀ E TRASPARENZA

Sono trascorsi 8 mesi dalla sagra dei Gigli 2018 e la Commissione comunale non ha ancora dato una risposta alla cittadinanza sui fatti accaduti lo scorso Agosto. Gli atti di illegalità e/o di prepotenza offendono S.Antonio che si venera con la bontà e con la fratellanza, non con l'illegalità.

#iostoconBrusciano
#iostocolgiudice
Di Anonimo  (inviato il 30/04/2019 @ 14:18:56)
# 172
"Si alla lotta contro l'evasione!" mica sono scemi, vuoi che si danno la zappa sui piedi.
Di peppe  (inviato il 01/05/2019 @ 12:26:09)
# 173
Martin Luther King aveva paura non delle parole dei violenti, ma del silenzio degli onesti. Non siamo silenziosi, non siamo degli assenti nel nostro territorio, nel nostro paese: partecipiamo, ascoltiamo, facciamolo sentire la nostra voce, il nostro esserci e combattiamo l'illegalità, facendone uno stile di vita!
#legalità #sicurezza #noacompromessi #libertà #azionereazione #sognichedevonodiventarerealtà
Di Anonimo  (inviato il 14/05/2019 @ 09:20:58)
Commenta
Nick
e-Mail / Link


E - )
: - ) S - ( : - ( : - \ : - o : - Z : - * : - P X - | 8 - ) ; - ) : - D

Warning: causa attacco spammer i commenti sono momentaneamente moderati. Non ti stupire se non lo vedrai subito pubblicato!

CoComment CoComment Support Abilitato!!!

Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

Seguici su :

 
Il mio stato

info:
unaltrabrusciano@libero.it
Titolo
admin (53)
MioBlog (273)

Catalogati per mese:
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019

 

Ultimi commenti:
Martin Luther King aveva paura non ...
14/05/2019 @ 09:20:58
Di Anonimo
"Si alla lotta contro l'evasione!" ...
01/05/2019 @ 12:26:09
Di peppe
L'Opposizione guidata dal Giudice E...
30/04/2019 @ 14:18:56
Di Anonimo
e tu din, don, dan, di nero vestito...
30/04/2019 @ 11:27:02
Di Anonimo
e poi bisogna vedere quanti di ques...
29/04/2019 @ 18:51:16
Di peppe
sindaco senior e sindaco junior ...
29/04/2019 @ 14:17:20
Di Anonimo
Le persone «perbene», oneste e co...
24/04/2019 @ 23:57:05
Di Anonimo
Scippopoli bruscianese vuole essere...
24/04/2019 @ 07:50:15
Di Anonimo
A Brusciano le strutture scolastich...
21/04/2019 @ 16:59:42
Di Anonimo
Bomba carta contro un palazzo a Bru...
20/04/2019 @ 11:29:47
Di Anonimo
Blocchiamo il Paese!Chiediamo come ...
19/04/2019 @ 11:14:42
Di Anonimo
Blocchiamo il Paese!Chiediamo come ...
19/04/2019 @ 11:11:52
Di Anonimo
“Hanno sparato davanti ai bambini...
15/04/2019 @ 17:32:49
Di Anonimo
non c’è vento favorevole per col...
15/04/2019 @ 08:54:45
Di Anonimo
CRISI DEL SISTEMA DEMOCRATICO: GLI ...
09/04/2019 @ 14:03:07
Di Anonimo
Terremoto a Torre del Greco: voti v...
02/04/2019 @ 15:19:10
Di Anonimo
e tutti impecorinati vissero felici...
31/03/2019 @ 15:04:56
Di peppe
Il Silenzio dei Colpevoli!Sindaco m...
29/03/2019 @ 11:39:50
Di Anonimo
Il Consiglio comunale di Brusciano ...
28/03/2019 @ 13:41:38
Di Anonimo
chill (L'ANEMA NERA) vo ben a Peppi...
28/03/2019 @ 11:40:15
Di peppe
Brusciano, opposizione abbandona l'...
28/03/2019 @ 10:36:42
Di Anonimo
"La camorra non vi porta da nessuna...
28/03/2019 @ 10:32:57
Di Anonimo
e vero che la statua di sant'an...
27/03/2019 @ 20:59:31
Di luigi
“Io amo i coraggiosi.Ma non basta...
23/03/2019 @ 15:10:47
Di Anonimo
A Brusciano le strutture scolastich...
11/03/2019 @ 16:15:31
Di Anonimo
e questo lo si sapeva e lo si sa.
09/03/2019 @ 10:40:22
Di peppe
carissimo giudice a brusciano le p...
08/03/2019 @ 20:55:33
Di luigi
LA POLITICA DEI FATTI!Subito un oss...
05/03/2019 @ 10:17:28
Di Anonimo
LA POLITICA DEI FATTI!Subito un oss...
05/03/2019 @ 10:15:57
Di Anonimo
La politica PERBERE!tutto OK abbiam...
26/02/2019 @ 13:37:04
Di Anonimo
E' vero è diventato l' Esercito e ...
21/02/2019 @ 12:14:42
Di Anonimo
Ma questo sindaco e il suo esercito...
20/02/2019 @ 21:01:13
Di antonio
E' bello e gli tirano le pietre,ve ...
15/02/2019 @ 17:56:47
Di Anonimo
A Brusciano le strutture scolastich...
13/02/2019 @ 23:07:58
Di Brusciano bene comune
Le vere aggressioni? Chiedetelo al ...
13/02/2019 @ 09:37:07
Di Anonimo
quando il sindaco attuale andavo co...
11/02/2019 @ 15:46:44
Di luigi
ma come vi permettete il paese e pu...
10/02/2019 @ 14:45:42
Di mattia
L'Amministrazione del NIENTE!Così ...
08/02/2019 @ 11:20:57
Di Anonimo
L'Amministrazione del NIENTE!Così ...
08/02/2019 @ 11:20:57
Di Anonimo
Brusciano come l'italia......È un ...
04/02/2019 @ 23:17:56
Di antonio
La dove le opinioni irragionevoli p...
03/02/2019 @ 20:13:22
Di Anonimo
... quando si tira una pietra, biso...
02/02/2019 @ 00:13:40
Di Paolo
A furia 'e dicere “è cosa 'e nie...
31/01/2019 @ 09:51:46
Di Anonimo
Da quando è nato questo blog, si s...
27/01/2019 @ 01:07:57
Di Luigi
Scusate del niente!ormai sono trasc...
25/01/2019 @ 11:15:31
Di Anonimo
Sarà capitato anche a Brusciano? S...
22/01/2019 @ 19:36:53
Di peppe
La pubblico volentieri..Vivere lont...
27/12/2018 @ 12:25:42
Di Anonimo
peppe montanile hai fatto la fine ...
27/12/2018 @ 09:47:36
Di luigi
I love your blog.. very nice colors...
21/12/2018 @ 04:28:27
Di indianapolis colts golf shirt
Meritiamo o no un segno di Festa? Ã...
10/12/2018 @ 07:17:33
Di Anonimo
Diciamolo subito. Di Maio ha defini...
03/12/2018 @ 15:34:27
Di Anonimo
scusate solo una domanda ma quei d...
29/11/2018 @ 20:31:56
Di antonio
Credo e lo ripeto da tempo, che i s...
21/11/2018 @ 13:18:48
Di Anonimo
Italia, potenza scomoda: dovevamo m...
19/11/2018 @ 10:11:05
Di Anonimo
BRUSCIANO: CARO ASSESSORE SE QUESTO...
14/11/2018 @ 19:51:18
Di parajumpers jakke salg
BRUSCIANO : CHI NUOTERA' IN QUESTA ...
14/11/2018 @ 06:16:48
Di Parajumpers Jakke norge
Il sociologo Charles Derber descriv...
13/11/2018 @ 17:07:02
Di Anonimo
Popolo Bruscianese!siamo al 13 NOVE...
13/11/2018 @ 09:21:05
Di Anonimo
MARIGLIANO - Manca poco. Martedì p...
11/11/2018 @ 18:47:37
Di Anonimo
COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALI...
10/11/2018 @ 07:25:41
Di Anonimo
a Roma sai come dicono a ragazzii...
09/11/2018 @ 18:19:59
Di luigi
Per il Bere in Comune!L'amministraz...
09/11/2018 @ 10:25:44
Di Anonimo
Che strano, proprio da Pomigliano? ...
06/11/2018 @ 18:59:09
Di aldo
peppiniello ti ricordi tu . giosi ...
04/11/2018 @ 20:36:16
Di luigi
Per la serie, prima mangio nella tu...
04/11/2018 @ 14:40:53
Di luigi
Buongiorno Cittadino perbene hai fa...
04/11/2018 @ 12:40:29
Di Anonimo
Cons.G.Romano.....IL SAPERE E LA R...
03/11/2018 @ 20:05:06
Di Anonimo
Strumentalizzazione: una parola che...
03/11/2018 @ 20:02:21
Di Anonimo
INcapaci, INaccettabili, INdifendib...
02/11/2018 @ 18:20:16
Di Anonimo
Adda passa o munnezzaro,per portars...
02/11/2018 @ 14:19:18
Di Anonimo

Titolo

 

Titolo



19/05/2019 @ 14:43:03
pagina generata in 341 ms